Hello Spring!

image

Ben arrivata primavera!!

Anche se è già passata una settimana dal suo arrivo, le iniziative che riguardano la primavera sono agli inizi e quella ideata dal blog Vaniglia Vintage vuole proprio celebrare l’arrivo della bella stagione e delle sue novità. Nome in codice: Hello Spring! (qui trovate il suo post).

Prima di iniziare, ringrazio Racconti dal passato per avermi scelta 😊

Le regole:
• Create sul vostro blog un post dal titolo: “Hello Spring!” in cui elencate Rossetti, Ombretti, Smalti e Accessori che ritenete primaverili. Potete inserire nel post sia prodotti che già possedete, sia prodotti che desiderate avere.
• Citate il blog da cui è partito il TAG e quello da cui vi è arrivato l’invito.
• Inserite come immagine principale quella che vedete qui sopra.
• Taggate almeno 6 blog e avvisateli di averli taggati.

Io non sono una che bada molto a queste cose. Mi piace fare shopping di trucchi, vestiti, accessori e quant’altro ma non ne impazzisco, anzi molte volte ne faccio anche a meno.  Quindi troverete delle sezioni mooolto scarne… Però ci provo.

Make–up & cura della pelle

it_001.002_1000-580x580
Sono una fanatica della pulizia della pelle e da un anno a questa parte ho iniziato a usare i prodotti dell’erboristeria L’Erbolario, quelli per pelli grasse. Ti lasciano il viso pulito e perfetto. L’unica controindicazione è che necessitano di un uso giornaliero (2 volte al giorno) e su questo sono un po’ pigra…

KM00202007principale_900Wx900H KM0030101500000principale_900Wx900H
M22013 m7630433_P1641036_princ_la
Mi trucco pochissimo e solo con l’essenziale. Le ultime due sono un “Wish to have…”, un vorrei avere.

Profumi

essence_eaudparfum_1_5kenzoparfums_collection_parfumsfemme_flowerbykenzo-edp_0

Accessori & vestiti

57p 9018249609246 harry_potter_time_tunner19005108428830

43005525_0243033645_56_B43040138_05-41070293_92-43093571_99-43040319_99-43000303_9943080134_99_B

E ora le nomine (perdonatemi ma non sono sei…):

E se ti dicessi che

FarOVale

YourShoppingFriend

Bene, bene! Di nuovo grazie a Racconti dal passato e #HappySpring a tutti 💋

Annunci

From Book to Film

Vi ho detto di aver guardato parecchia tv mentre ero malata. Un assaggio di quello che l’On Demand mi ha gentilmente offerto ve l’ho già proposto; oggi arriva il seguito 😊

Un filo conduttore che lega questa seconda tranche di film (e serie tv) è l’essere delle trasposizioni di opere letterarie. Bel filo conduttore, direte. Un po’ scontato e troppo generale, è vero, ma non è sempre da sottovalutare. Anche questa volta non mi dilungherò troppo: solo brevi annotazioni e commenti.

imageStoria di una ladra di libri non è il solito film sull’olocausto e i campi di concentramento. Nessun(a) bambino(/a) ebreo(/a) è al centro della storia, bensì una ragazzina tedesca abbandonata dalla madre a causa delle proprie idee politiche. Non che non ami i classici film, ma questo aggiunge un nonsoché di nuovo, mostrando l’altra faccia della Germania nazista, quella in cui i figli degli iscritti al partito comunista erano dati in adozione a altre famiglie in cambio di un sussidio statale, in cui un cittadino perbene perdeva il lavoro se non era iscritto al partito nazionalsocialista, in cui la scuola era il primo luogo di formazione della nuova società tedesca. È un bel film, che permette di vedere cosa accadeva in quel periodo se si era cittadini tedeschi. Un salto al di là della barricata per capire che, se si tratta di vittime, il nazismo ne ha fatte su piu fronti.

imageDracula Untold non è esattamente la trasposizione di un libro. Non è nemmeno riconducibile all’opera di Stoker. È, tuttavia, la spiegazione di come è nato questo grande personaggio della letteratura che è Dracula, la genesi del pluricentenario vampiro che è ormai parte inscindibile della cultura occidentale. Film interessante, se si dimentica completamente l’opera ottocentesca, solo per il tentativo di dare a Vlad l’impalatore un volto umano. Difficile guardarlo e credere che fosse davvero così attaccato a moglie, famiglia e quant’altro quando è passato alla storia per essere uno degli uomini più crudeli che si siano mai visti. Ma si sa, al botteghino diventano tutti dei santi.

imageIl Trono di Spade è la super serie della HBO tratta dai romanzi di George R. R. Martin. Un tripudio di morti, tradimenti, cospirazioni e scene di sesso che vede sullo sfondo la conquista del famigerato trono costruito con mille – e non sono mille – spade! Arrivata ormai alla 5ª stagione, io mi sono divorata le prime due arrivando a metà della terza. Mi ha conquistata, tanto che ogni nuovo episodio è un colpo al mio povero cuore. Non vedo l’ora di scoprire le novità!!!

Alla prossima, con novità librose, un nuovo capitolo di Time Murder e molto altro!

Stay tuned 💋

Cosa vedi?

muro

Camminavano da ore quando lo fece fermare in un vicolo stretto e vuoto.
«Cosa vedi?» gli domandò. Aveva l’aria di chi si aspettava grandi cose.
«Niente. È uno stupido muro»
«Peccato, perché io vedo una via di fuga»
Non attese che il piccolo Bisha capisse. Strinse forte la mano attorno a uno dei mattoni più sporgenti e si issò fin sulla cima. A cavalcioni sulla sommità guardò giù, verso quello scricciolo sporco che lo aveva aiutato.
«Ricorda. Nulla è mai come appare» e con un balzo sparì dall’altra parte.

Cosa vedi?

muro

Camminavano da ore quando lo fece fermare in un vicolo stretto e vuoto.
«Cosa vedi?» gli domandò. Aveva l’aria di chi si aspettava grandi cose.
«Niente. È uno stupido muro»
«Peccato, perché io vedo una via di fuga»
Non attese che il piccolo Bisha capisse. Strinse forte la mano attorno a uno dei mattoni più sporgenti e si issò fin sulla cima. A cavalcioni sulla sommità guardò giù, verso quello scricchiolo sporco che lo aveva aiutato.
«Ricorda. Nulla è mai come appare» e con un balzo sparì dall’altra parte.

Perseguire un obiettivo

Come vi dicevo ieri, questa volta si parla di film! Prima però è giusto ammettere che, se non avessi avuto a disposizione quella santa funzione chiamata SkyGo, la classica e vecchia tv non mi avrebbe aiutata molto nel superare la noia.

Dare un senso alla marea di film che ho visto in questi giorni mi è un po’ impossibile. Non che sia importante, certo, ma sarebbe utile per capire cosa ho guardato di preciso.

I tre di cui vi parlerò oggi – non preoccupatevi, sarà solo una breve impressione, anche perché mi addormentavo ogni cinque minuti – sono accomunati da una cosa: i protagonisti perseguivano un obiettivo con tutte le loro forze. Per il resto erano completamente diversi.

imageCapitan Harlock è un film d’animazione del 2013, un remake del famoso cartone degli anni ‘80 riportato alla vita grazie alle ultime tecniche di computer grafica. Conoscendo veramente poco l’originale, ho guardato questo film senza sentire nessuno straniamento rispetto alla versione 2D. È una storia avventurosa, con un Harlock che vuole ad ogni costo tornare a vivere sulla Terra, a volte un po’ difficile da vedere a causa del contrasto tra l’oscurità dello spazio e i colori accessi dei motori delle astronavi. A tratti risulta fumoso, difficile da afferrare la vera trama su cui si muove la storia. Non è male, però, forse un po’ lungo. Da vedere se avete tempo libero e se vi piace il genere.

imageIn Galles ci sono ben pochi cognomi. Tutti si chiamano Williams, Johns o Evans ed è quindi necessario, per distinguirli, dare dei soprannomi. L’inglese che salì la collina e scese da una montagna (1995) è uno dei soprannomi più lunghi e uno dei più importanti, specie per i gallesi. Hugh Grant, l’inglese, è un cartografo incaricato di mappare il Galles per ordine di Sua Maestà, ma il suo viaggio è interrotto quando gli abitanti del villaggio di Ffynnon Garw lo sentono descrivere la loro preziosa montagna, la prima del Galles, come una semplice collina. Da qui il film prende una piega divertente, che vede tutti gli abitanti ostinatamente intenzionati nell’alzare di 20 piedi la cima della collina. Mi sarebbe piaciuto di più, se solo mi fossi addormentata di meno ☺️

imageLiam Hemsworth è un giovane di New York stanco di vivere dalla parte di Brookling della città e per ottenere ciò che ha tanto desiderato, oltre che salvare i propri amici e la famiglia, è disposto a tutto, persino a fare dello spionaggio industriale. Un thriller adrenalinico tratto dal romanzo Paranoia e che fino alla fine mi ha fatto credere che Harrison Ford sarebbe stato il solo ad essere fregato. Adrenalinico sì, ma non abbastanza da tenermi sveglia. Tutto sommato però mi è piaciuto.

Non avevano assolutamente nulla in comune, vi avevo avvertito, se non le forti motivazioni che spingono a perseguire il proprio obiettivo fino in fondo. Tra i tre vi consiglio L’inglese che salì la collina e scese da una una montagna, perché se volete vedere qualcosa di divertente ma sobrio è il film che fa al caso vostro!

Stay tuned 😊