Perseguire un obiettivo

Come vi dicevo ieri, questa volta si parla di film! Prima però è giusto ammettere che, se non avessi avuto a disposizione quella santa funzione chiamata SkyGo, la classica e vecchia tv non mi avrebbe aiutata molto nel superare la noia.

Dare un senso alla marea di film che ho visto in questi giorni mi è un po’ impossibile. Non che sia importante, certo, ma sarebbe utile per capire cosa ho guardato di preciso.

I tre di cui vi parlerò oggi – non preoccupatevi, sarà solo una breve impressione, anche perché mi addormentavo ogni cinque minuti – sono accomunati da una cosa: i protagonisti perseguivano un obiettivo con tutte le loro forze. Per il resto erano completamente diversi.

imageCapitan Harlock è un film d’animazione del 2013, un remake del famoso cartone degli anni ‘80 riportato alla vita grazie alle ultime tecniche di computer grafica. Conoscendo veramente poco l’originale, ho guardato questo film senza sentire nessuno straniamento rispetto alla versione 2D. È una storia avventurosa, con un Harlock che vuole ad ogni costo tornare a vivere sulla Terra, a volte un po’ difficile da vedere a causa del contrasto tra l’oscurità dello spazio e i colori accessi dei motori delle astronavi. A tratti risulta fumoso, difficile da afferrare la vera trama su cui si muove la storia. Non è male, però, forse un po’ lungo. Da vedere se avete tempo libero e se vi piace il genere.

imageIn Galles ci sono ben pochi cognomi. Tutti si chiamano Williams, Johns o Evans ed è quindi necessario, per distinguirli, dare dei soprannomi. L’inglese che salì la collina e scese da una montagna (1995) è uno dei soprannomi più lunghi e uno dei più importanti, specie per i gallesi. Hugh Grant, l’inglese, è un cartografo incaricato di mappare il Galles per ordine di Sua Maestà, ma il suo viaggio è interrotto quando gli abitanti del villaggio di Ffynnon Garw lo sentono descrivere la loro preziosa montagna, la prima del Galles, come una semplice collina. Da qui il film prende una piega divertente, che vede tutti gli abitanti ostinatamente intenzionati nell’alzare di 20 piedi la cima della collina. Mi sarebbe piaciuto di più, se solo mi fossi addormentata di meno ☺️

imageLiam Hemsworth è un giovane di New York stanco di vivere dalla parte di Brookling della città e per ottenere ciò che ha tanto desiderato, oltre che salvare i propri amici e la famiglia, è disposto a tutto, persino a fare dello spionaggio industriale. Un thriller adrenalinico tratto dal romanzo Paranoia e che fino alla fine mi ha fatto credere che Harrison Ford sarebbe stato il solo ad essere fregato. Adrenalinico sì, ma non abbastanza da tenermi sveglia. Tutto sommato però mi è piaciuto.

Non avevano assolutamente nulla in comune, vi avevo avvertito, se non le forti motivazioni che spingono a perseguire il proprio obiettivo fino in fondo. Tra i tre vi consiglio L’inglese che salì la collina e scese da una una montagna, perché se volete vedere qualcosa di divertente ma sobrio è il film che fa al caso vostro!

Stay tuned 😊

Annunci

0 pensieri su “Perseguire un obiettivo

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...