World Poetry Day

Buongiorno 😊

Oggi è la giornata mondiale dedicata alla poesia (World Poetry Day) e mi piaceva parlarvene, facendovi leggere un sonetto tra i più letti e fraintesi dell’opera di Shakespeare: il sonetto XVIII, altrimenti noto come Shall I compare thee!

Shall I compare thee to a summer’s day?
Thou art more lovely and more temperate:

rough winds di shake the darling buds of May,
and summer’s lease hath all too short a date:
sometime too hot the eye of heaven shines,
and often is his gold complexion dimm’d,
and every fair from fair sometime declines,
by chance, or nature’s changing course untrimm’d:
but thy eternal summer shall not fade,
nor lose possession of that fair thou ow’st,
nor shall death brag thou wander’st in his shade,
when in eternal lines to time thou grow’st:

So long as men can breathe, or eyes can see,
so long lives this, and this gives life to thee

E qui la traduzione:

Posso paragonarti a un giorno d’Estate?
Tu sei più amabile e più tranquillo.
Venti forti scuotono i teneri boccioli di Maggio,
E il corso dell’estate ha fin troppo presto una fine.
Talvolta troppo caldo splende l’occhio del cielo,
E spesso la sua pelle dorata s’oscura;
Ed ogni cosa bella la bellezza talora declina,
spogliata per caso o per il mutevole corso della natura.
Ma la tua eterna estate non dovrà svanire,
Né perder la bellezza che possiedi,
Né dovrà la morte farsi vanto che tu vaghi nella sua ombra,
Quando in eterni versi nel tempo tu crescerai:

Finché uomini respireranno o occhi potran vedere,
Queste parole vivranno, e daranno vita a te.

Dicevo frainteso perché in molti lo considerano un sonetto dedicato a una donna, complice anche la cinematografia e film come Shakespeare in love, ma in realtà fu scritto per il giovane signore che all’epoca faceva da mecenate al bardo. E lo si capisce anche dal fatto che, in tutto il sonetto, non sono presenti termini che richiamino elementi romantici, come il decantare le lodi per una determinata caratteristica dell’amata o la stessa presenza dalla parola “amore”.

Il sonetto più frainteso per celebrare la giornata mondiale della poesia. Mi sembrava il modo migliore per mostrarvi quanti e quali diversi metodi di interpretazione esistono e come può essere mutevole il significato di un testo a seconda di come viene presentato. Spero che Shakespeare non si senta offeso se ho scelto proprio lui 😁

Buona giornata!
Federica 💋

Annunci

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...