“Mia cara Jane: Le lettere mai scritte” di Amalia Frontali [Recensione]

Ciao a tutti!

Tra la preparazione di un esame e l’altro (tra giusto 7 giorni ho il prossimo 🙈) sono riuscita a trovare il tempo di guardare il catalogo di Prime Reading e trovare questo libro, una vera chicca per me che adoro Jane Austen e il suo struggente passato!

Titolo
Mia cara Jane: Le lettere mai scritte
Autore
Amalia Frontali
Editore
Amazon Kindle Self Publisher
Anno
2017
Genere
Storico, rosa
Formato

Ebook ~ Cartaceo
Pagine
271
Prezzo
0,99€ (Ebook ~ Disponibile su Prime Reading) ~ 5,99€ (Cartaceo)
Acquisto
Amazon

Nel gennaio 1796 Thomas Langlois Lefroy, futuro Capo della Corte Suprema irlandese, e Jane Austen, futura autrice di grandi capolavori della letteratura, entrambi ventenni, si conobbero e si piacquero.
A questa innocente attrazione – ci dice la storia – nulla seguì. Jane non si sposò mai e Tom contrasse un’unione di convenienza, che gli garantì un suocero potente, una ricca dote e la protezione economica di uno zio già molto contrariato da matrimoni indesiderabili in famiglia.
Gran parte delle lettere di Jane Austen, dopo la sua morte, fu data alle fiamme dalla sorella Cassandra, per motivi che non sono mai stati veramente chiariti.
Qui finisce la verità storica.
Se Tom Lefroy, dopo quell’occasionale conoscenza, avesse scritto una lettera a Jane Austen?
Se a quella lettera – imprudente e ingiustificabile dalle convenzioni sociali – fosse seguita una vera e propria corrispondenza?
Le lettere di Tom a Jane, che sono pura invenzione letteraria, si incastrano però con minuziosa esattezza con le biografie storiche dei protagonisti: personaggi, luoghi ed eventi sono reali e mostrano che quello che non è mai accaduto sarebbe però stato possibile e plausibile.
In un serrato contrappunto fra realtà storica e immaginazione, la trama si dipana fra continui echi delle Lettere austeniane sfuggite alle fiamme, citazioni dei capolavori, precisi riferimenti a viaggi, vicende e personaggi storici.

Da appassionata di Jane Austen, e di tutto ciò che su di lei è stato scritto e realizzato, appena ho visto questo titolo non ho potuto fare a meno di immergermi nella lettura di un romanzo epistolare decisamente stupefacente.
Voce narrante è Thomas Lefroy, aspirante avvocato irlandese, che è entrato a far parte della vita della giovane Jane e che, con il suo acume e le sue provocazioni, ha rappresentato per lei una fonte di ispirazione, di crescita e di amore per quel breve periodo in cui si sono effettivamente frequentati e (forse) per i vent’anni successivi. Attraverso le sue lettere, Tom ci mostra la sua versione del nascente sentimento che lo lega a Jane e come questo, in poco meno di tre anni, cresca, sbocci e purtroppo venga reciso per colpa di responsabilità inevitabili e destinate a segnare per sempre la condotta, nonché il carattere, di due giovani il cui unico desiderio era poter essere felici.
La storia d’amore tra Tom e Jane, che mi ha spezzato già il cuore guardando il film Becoming Jane, qui viene raccontata attraverso lettere fittizie indirizzate da Tom alla sua adorata Miss Austen, lettere che, benché scaturite dalla fantasia e dello studio dell’autrice di fatti reali e dettagli presi dai romanzi austeniani, riescono a fare breccia nella consapevolezza che si tratti di una finzione letteraria e a conquistare quell’aura di veridicità necessaria a farne una lettura entusiasmante e coinvolgente.
Amalia Frontali regala così, in un libro che può benissimo essere terminato in un pomeriggio, un assaggio della vita che quei due giovani possono aver vissuto, fatta di separazioni e incontri segreti, lettere private che non sono sopravvissute fino a noi per il troppo amore di una sorella (fu Cassandra Austen, dopo la morte di Jane, a bruciare molta della sua corrispondenza privata, forse per risparmiare alla memoria della sorella un possibile scandalo se essa fosse mai stata resa pubblica) e sentimenti tenuti a lungo nascosti che, se svelati prima, forse avrebbero decretato un destino assai diverso.
È un romanzo che indaga il non detto, che immagina per riempire quei buchi lasciati dalle scarse informazioni su quel periodo della vita di Jane Austen, che scioglie i romanzi da lei creati per estrarne i dettagli reali e più vicini alla verità celata dietro la finzione, trasformando Ragione e Sentimento, Orgoglio e Pregiudizio e Persuasione, ma anche gli altri, nella rielaborazione degli eventi che hanno portato al triste epilogo riservato all’amore tra lei e Tom. Interessante, in questo, è la scelta di non dare assolutamente voce a Jane, ma solo a Mr Lefroy e di costruire attraverso di lui tutti i momenti chiave della crescita personale ed artistica di Jane, in un rapporto a due dal quale emerge soprattutto una cosa: l’amore.
È questo sentimento, prima taciuto, poi esaltato e infine salutato con tristezza, a emergere dalle parole di Tom, in un racconto che, inevitabilmente, coinvolge e commuove per la sua dolcezza e per la cruda realtà del suo non poter portare a un finale diverso da quello che la Storia ci ha consegnato. E, alla fine, è la stessa Jane a renderlo quasi legittimo, in una triste affermazione dell’immutata natura di quell’amore che li ha uniti da giovani e che ha continuato a legare le loro anime anche quando si sono dovuti salutare per sempre.

Decisamente un super libro, che è più che consigliate se siete dei Janeites 😊  Non delude!

Parte bene la settimana, che ne dite? Ci sarò poco, purtroppo, però le recensioni non mancheranno!

A presto
Federica 💋

Annunci

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...