Lucifer [Season 4]

Buongiorno e buon mercoledì!

Oggi vi parlo della quarta stagione di una serie tv che, personalmente, adoro, e della quale vi ho parlato circa tre anni fa!

Titolo
Lucifer
Ideatori
Tom Kapinos
Soggetto
Mike Carey (fumetto), Neil Gaiman (personaggio)
Paese
Stati Uniti d’America
Anno
2016 —
Genere
Fantastico, drammatico, horror, poliziesco
Stagioni
4 —
Episodi
83
Lingua
Inglese
Cast
Tom Ellis, Lauren German, Kevin Alejandro, D. B. Woodside, Lesley-Ann Brandt, Scarlett Estevez, Rachael Harris, Tricia Helfer, Aimee Garcia

Dopo la partenza di Chloe, Lucifer fatica a capire come la sua partner possa aver reagito alla scoperta che, stranezze a parte, ogni storia lui le abbia raccontato su di sé sia… be’ vera. Ora Chloe Decker sa che è il diavolo, l’angelo che ha sfidato Dio ed è stato relegato all’inferno per punire i malvagi. Solo che lui non è più negli Inferi da un po’, anzi è da anni la sua spalla nel risolvere i casi di omicidio che sconvolgono Los Angeles. Per Chloe è difficile conciliare la verità con tutto ciò che, nei secoli, è stato detto e scritto sull’essere “più cattivo” mai esistito e il rapporto che, comunque, ha costruito con Lucifer. Perché sì, forse i suoi metodi sono un po’ bizzarri, ma nulla di ciò che ci si aspetterebbe dal Diavolo.
Tra segrete congreghe religiose che vogliono rimandare Lucifer a “casa”, profezie sulla fine dei tempi a causa della presenza di Lucifer sulla Terra e vecchie fiamme bibliche che tornano a trovare il proprietario del più famoso night club di Los Angeles, la quarta stagione di Lucifer ruota attorno a tutti i luoghi comuni che la tradizione occidentale, e cattolica, ha costruito attorno all’angelo caduto e li smonta pezzo per pezzo.
Davanti al male più assoluto, Lucifer si dimostra più un angelo che un diavolo, costretto però a confrontarsi con tutte le accuse che, in un modo o nell’altro, tutti i coprotagonisti gli rinfacciano e che lo portano a mettere in discussione se stesso, il suo ruolo e la sua supposta bontà. È una stagione intensa, divertente nei riferimenti (erronei e discutibile) alle atrocità che il diavolo avrebbe commesso e che, in realtà, appartengono più agli esseri umani che a Lucifer. Anche il ruolo di Chloe cambia nel corso della stagione, passando dall’indecisione al rifiuto e all’accettazione, il tutto mentre a “tentare” Lucifer fa la sua comparsa Eve, la prima donna, mettendo forse a repentaglio il rapporto tra lui e la detective che lo rende vulnerabile e mortale.
In questa stagione, sentimenti e risate vanno di pari passo, mischiandosi ai riferimenti ironici alle serie più di successo degli ultimi tempi (come Game of Thrones e Outlander, quest’ultima in particolare, con la presenza di Graham McTavish – Dougal MacKenzie – e il suo “Long Live King Charlie”, nella serie sugli scozzesi di Starz gli è costato la vita) e alla presenza imperante della musica, che si trasforma in una protagonista a tutti gli effetti, capace di trasmettere ciò che le persone fanno fatica a vedere e a esprimere.
Dieci episodi tutti da gustare, con un finale di stagione da crepacuore per i fan e che promette grandi sviluppi nella quinta stagione!

Insomma, io non vedo l’ora che sia il 21 agosto, data in cui Netflix rilascerà i primi otto episodi della nuova stagione 😍

Ma ditemi: conoscete Lucy e Chloe? Avete mai sentito parlare della serie?
Sono curiosa di sentirvi!

Federica 💋

5 pensieri su “Lucifer [Season 4]

  1. A me piace tantissimo Lucifer! L’ho trovata fin dai primi episodi molto intelligente e originale oltre che divertente. Però questa ultima stagione era un po’ sottotono rispetto alle precedenti, non so… Spero in una ripresa con gli episodi di Agosto 😄

    Piace a 1 persona

    • Allora, sì, l’inizio mi ha un po’ sorpresa perché non era proprio nello stile della serie ma poi, secondo me si è ripresa non male, soprattutto perché non è andata avanti a oltranza come con la storia di Caino (lì mi aveva quasi persa…)!
      Comunque sì, ad agosto spero in un bel ritorno allo stile originale 😊

      "Mi piace"

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...