[Review Tour] “Mutation – Il futuro è nel passato” di Grazia Cioce

Buongiorno a tutti e buon giovedì!

Oddio, non ci credo! Siamo arrivati all’ultimo Review Tour dedicato alla trilogia di Grazia Cioce! Qui ne vediamo delle belle, io vi ho avvisati!

Come è dovuto, grazie alla casa editrice per la copia del romanzo!

Mutation: Il futuro è nel passato (Trilogia della Mutagenesi Vol. 3) di [Grazia Cioce]Titolo
Mutation – Il futuro è nel passato
Autore
Grazia Cioce
Saga
La Trilogia della Mutagenesi
Editore
Genesis Publishing
Pubblicazione
2020
Genere
Paranormal Romance, Distopico
Formato

Cartaceo (11,60€) ~ Digitale (3,99€)
Pagine

287
Acquisto
Amazon

Tornata a casa dopo aver rivelato al mondo intero la sua particolare mutazione, Kimberly vive segregata in attesa che le acque si calmino.
Nella Repubblica, la situazione è al limite. La tensione tra human e mutazioni è sempre più palpabile, mentre David Tomson è stato arrestato e sta per essere processato per il suo rapimento.
Tra fughe, inseguimenti, emozioni contrastanti, Kimberly dovrà decidere da che parte schierarsi: human o mutazioni? Repubblica o MMGI?
Ma esiste davvero una parte dalla quale ci si può schierare, se tutta l’umanità rischia il sopruso della dittatura e l’annientamento della libertà?
L’avvincente capitolo finale della Trilogia della Mutagenesi vedrà Kimberly combattere per capire chi è davvero.
Perché non è più il tempo di fuggire. Ora è tempo di lottare.

Kimberly è in salvo, riportata tra le braccia amorevoli di Aaron dopo mesi passati a credersi la moglie di David. Adesso è a casa, ma la sua vita è irrimediabilmente cambiata dopo aver dichiarato al mondo la sua natura di inserzione, lei che è portatrice di una mutazione unica nel suo genere e che, adesso, rappresenta la speranza per tutti coloro che, per anni, hanno vissuto nell’ombra.
Il suo outing però la costringe a restare chiusa in casa, segregata anche se libera, perché la Repubblica ancora non sa cosa fare con lei e perché è un obiettivo della MMGI, quella misteriosa organizzazione che ha occhi e orecchie ovunque e che, a quanto sembra, tiene sotto controllo Kimberly da ben più di quanto non creda.

Sono cambiata? Sì, eccome. Ma sono sempre io, una donna che vuole vivere alla luce del giorno, che vuole camminare a testa alta e amare, liberamente, l’uomo che ha accanto.

Ma la spaccatura tra Repubblica e MMGI già le complica l’esistenza, la ritrovata libertà della dottoressa Spencer viene minata dagli effetti collaterali del Reset-Rhime, il siero che David le ha iniettato per modificarle la memoria e che, ora, pare aver scatenato tra Kim e il suo ex una particolare sincronia emotiva, e non solo emotiva (non aggiungo altro, già è abbastanza spoiler così!).
Quando, poi, per sfuggire all’organizzazione anti-Repubblica, Kim e Aaron si ritrovano a fuggire con David, la convivenza tra i tre si fa impossibile, portatrice di attimi di tensione che portano Kimberly a soffrire emotivamente e fisicamente, ma che rischiano di minare (forse per sempre) la sua relazione con Aaron, l’amore travolgente che li ha uniti sin dall’inizio. Tuto perché anche lui nasconde un segreto, uno che mettere a repentaglio tutte le certezze di Kimberly.

La mente umana cerca sempre delle risposte logiche alle anomalie e la mia mentre non è da meno. Ripenso a tutto ciò che ha fatto, a tutto ciò che ha detto, lo ripercorro con frenesia e ansia alla ricerca di dettagli che mettano in luce la ragione del suo comportamento, delle sue azioni.

Mutation – Il futuro è nel passato chiude con il botto la trilogia di Grazia Cioce e lo fa sconvolgendo letteralmente tutte le certezze e le emozioni provate nei primi due volumi, rimescolandole e poi dando loro sfogo attraverso il rapporto tormentato tra Aaron e Kimberly (e David, perché sì, è una cosa a tre alla fine, pur non nel senso letterale della descrizione) e attraverso la decisione incredibile che la dottoressa Spencer si trova a dover prendere, il capire da che parte dover stare nello scontro tra Repubblica e MMGI, soprattutto perché nessuno dei due sembra stare davvero dalla parte giusta.
Ho maledetto e adorato l’autrice in questo volume, perché tra Aaron (un santo, vi giuro, un SANTO) e Kimberly (povera gioia, tutte a lei capitano) non sembra procedere tutto a gonfie vele. Pagina dopo pagina è difficile non esasperarsi per le difficoltà, le menzogne e i sotterfugi che entrambi devono affrontare per raccapezzarsi davanti alla vicinanza che Kimberly instaura con David e il divario che pare aprirsi con Aaron, il tutto mentre il mondo intero aspetta una mossa di questa protagonista unica quanto imprevedibile.
Kimberly è una donna forte e altruista, buona pur nel suo ritrovarsi al centro di un complotto nel quale potrebbe comunque dare sfogo a tutta la sua frustrazione. Ho apprezzato il suo modo di porsi davanti alla verità, non scappando ma gettandosi nella mischia per salvare chi ama. E su quest’ultima nota, non si può non parlare di lui, l’uomo più paziente, dolce, innamorato e (mannaggia, perché non esiste davvero) comprensivo dell’esistenza: Aaron Smith, agente capo della squadra anti mutazioni. Nei tre volumi, Aaron è una sorpresa continua, e più Kimberly ne combina, più lui si costruisce come un vero miracolo di sopportazione e amore fuori dal comune. Anche se nasconde anche lui un segreto (dettaglio, sì, proprio un dettaglio…).

«Ma mi hai mentito. Tu. L’unica persona che non lo aveva mai fatto. L’unico che non mi aveva mai tradito. Mi. Hai. Mentito» sottolineo l’irrimediabilità di questo fatto.
«Ho solo omesso un dettaglio.»

A chiudere la serie ne accadono di tutte, dall’inizio alla fine, rendendo la storia davvero impossibile da abbandonare finché non si arriva a scoprire cosa si nasconde dietro la mutazione di Kimberly e come questo influirà non solo sugli equilibri tra Repubblica e MMGI, ma anche sul rapporto tra lei e Aaron. Il tutto legato da un tema importantissimo come quello della diversità e della paura che da essa può scaturire, dall’odio verso ciò che non si capisce appieno alla certezza di non valere quanto, invece, si dovrebbe pensare perché portatori di una diversità genetica (ma anche fisica, l’idea di base non cambia) che ci rende non comuni.
Mutation, come anche i volumi precedenti, è un romance, ma guai a fermarsi a questa definizione o a etichettarlo solo così, perché vi perderete tutto ciò che lo rende speciale insieme alla storia d’amore tra Kimberly e Aaron!

Mi mancheranno questi personaggi (magari non David – chiedo scusa), ma per fortuna il review tour si chiude la prossima settimana, così possiamo restare in loro compagnia ancora per un po! Ecco a voi il calendario:

Fatemi sapere se avete letto o leggerete questa super trilogia!

Federica 💋

2 pensieri su “[Review Tour] “Mutation – Il futuro è nel passato” di Grazia Cioce

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...