[Recensione] “Anche Ally qualche volta lo fa” di Jules Moulin

Buongiorno lettori e buon lunedì!

Questa nuova settimana parte all’insegna del romance ❤︎ Le recensioni daranno infatti spazio ai sentimenti, a volte molto complicati da esprimere! Pronti a scoprire il libro di oggi?!

30342522. sy475 Titolo
Anche Ally qualche volta lo fa
Titolo originale
Ally Hughes Has Sex Sometimes
Autore
Jules Moulin
Traduzione
I. Zani
Editore
Bookme
Pubblicazione
Giugno 2016
Genere
Romance, Chick Lit
Formato

Cartaceo (14,90€) ~ Digitale (1,99€)
Pagine

228
Acquisto
Amazon

Quando Ally, professoressa all’università e single di fatto, invita a cena la figlia Lizzie e il suo “amico speciale” Noah, tutto può immaginare fuorché di trovarsi di fronte il ragazzo per il quale, dieci anni prima, rischiò di perdere il lavoro e la testa. Perché Noah un tempo era Jake, alias “l’allievo carino dell’ultimo anno”, lo stesso che scriveva tesine smodatamente lunghe (e fuori tema) per attirare l’attenzione della sua giovane prof… Lo stesso che – tutto muscoli, sorriso e cacciavite in mano – si offrì di aiutarla nei lavoretti domestici e finì per regalarle molto di più: i due giorni più travolgenti, trasgressivi e indimenticabili della sua vita. Adesso, in grembiule da cucina e con la teglia fumante in mano, Ally non sa se ridere o piangere mentre il suo sguardo incrocia quello torbido e tenero di uno smagrito, più maturo, ma ancora bellissimo Noah/Jake. Da quel lontano week-end di passione, Ally non ha mai smesso di custodire il ricordo di Jake – liquidato lunedì all’alba con malcelato rimpianto e una frettolosa bugia. L’antica trappola di seduzione ora potrebbe scattare di nuovo. Ma la situazione, se possibile, è ancora più complicata di allora…

Ally Hughes è una mamma single, docente universitaria di diritti di genere, femminista convinta che dibatte con colleghi e studenti su tutto ciò che riguarda la figura della donna moderna e sulle diverse percezioni delle donne nella storia. E agli inizi della sua carriera il prolisso studente Jake Bean si presenta a ricevimento per chiederle di non bocciarlo all’ultimo esame, lui che per tre anni le ha consegnato tesine fin troppo lunghe e dispersive, ma che grazie a quelle e alla sua silenziosa attenzione a lezione ha instaurato con Ally un legame di cui nessuno dei due si è reso conto.
Almeno fino al giorno del colloquio, a quel weekend dove tra esami da correggere e piccole riparazioni che Jake si offre di fare, emerge qualcosa che entrambi hanno ignorato. Un’attrazione destinata a restare relegata a quei due giorni indimenticabili.

«Professoressa Hughes,» le disse teneramente «posso ricordarle che con oggi ho chiuso?». Ally annuì. La sollevava sentirselo ripetere. «Siamo amici. Nient’altro. Tu non sei la mia insegnante e io non sono un tuo allievo».

Dieci anni dopo, la quarantunenne Ally ha cambiato scuola ed è alle prese con le aspirazioni da attrice della figlia ormai ventenne Lizzie, che sogna una carriera stellare (anche a costo di doversi rifare il naso) e dimostra una passione viscerale per l’investigazione e il crimine. Ed è sul set del suo primo incarico che conosce la star Noah Bean, nome di punta di Hollywood e attuale ragazzo di Lizzie. Ally non segue il gossip e non sa chi sia l’attore tanto famoso quanto bello, ma quando se lo ritrova in casa per un pranzo è Jake che vede, lo stesso ragazzo di cui non ha più saputo nulla ma che, per tutto quel tempo, è rimasto sempre nei suoi pensieri.
Noah… Jake è rimasto affascinante come lo ricordava, lo studente sempre attento alla posizione delle donne nella società e che ora scrive copioni per celebrare la lotta delle grandi figure femminili. E che si ricorda perfettamente della donna che gli ha cambiato la vita dieci anni prima, tanto da sfruttarne la figlia pur di rivederla e capire se quegli anni abbiano cambiato qualcosa o se Ally e Jake siano ancora lì in attesa.

«Vogliono tutti Noah… e Jake non lo vuole nessuno…» farfugliò a occhi chiusi.

Tra le dubbie attività che Lizzie intraprende per potersi pagare la rinoplastica, i tentativi di Ally e Jake di riallacciare un rapporto che forse non è mai stato scalfito e il racconto di quel magico fine settimana di dieci anni prima, Anche Ally qualche volta lo fa è un piccolo concentrato di umorismo e batticuore, una lettura che avevo in TBR da un po’ e che merita dall’inizio alla fine.
Ally è una madre single che non riesce a credere nei rapporti a lungo termine per paura di soffrire, e per l’influenza negativa che ha avuto su di lei l’atteggiamento chiuso e troppo protettivo di sua madre, che si ritrova davanti un giovane uomo perfetto (perché fidatevi, Jake lo è già dieci anni prima!) ma al quale non riesce a legarsi per una serie di preconcetti sociali.
Dal canto suo, Jake è troppo giovane e inesperto per poter lottare, dopo quel weekend, per mantenere vivo ciò che è scoppiato tra loro e la separazione rende entrambi più maturi, più stabili e sicuri di ciò che entrambi vogliono dalla vita. Dieci anni che passano ma che, alla fine, non li separano davvero perché quei due giorni e le reciproche confessioni sono il materiale su cui ricostruire ciò che hanno perso, materiale che Jake ricorda alla perfezione e che usa per regalare a Ally tutto ciò che diceva di sognare.

Ally si era fermata, colpita. Quanto era facile rifare il letto insieme a un’altra persona. È un lavoro per due, rifare il letto. E anche la vita è un lavoro per due.

Umorismo e toni romantici sono la base di questa storia, ma c’è anche tutto un bellissimo retroscena che coinvolge la percezione della figura femminile nella nostra società, sotto una luce che vuole darne una visione a tutto tondo, sia che a guardare siano gli uomini sia che lo facciano le donne, mostrando pregi e difetti di come la nostra società si rapporta a una parte dei suoi membri.
È una lettura che ho divorato e che intriga, con due protagonisti da brividi per quanto sono dolci, a cui si aggiunge una ragazza intelligente e perspicace, una novella Bond impossibile da fermare, così come non si riesce a smettere di leggere.

Se lo avete in wishlist, dategli una possibilità perché merita! Un bellissimo romanzo romance con quel pizzico in più a dare completezza alla trama! Se lo avete letto fatemi sapere cosa ne pensate e anche se conoscete questa autrice!

Federica 💋

3 pensieri su “[Recensione] “Anche Ally qualche volta lo fa” di Jules Moulin

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...