[Recensione] “A Sir Philip, con amore” di Julia Quinn

Buongiorno 😊

Come state? Come avete passato queste due settimane?
Io ne ho approfittato per rilassarmi e leggere, così da preparare tanti nuovi articoli per il blog 😊 a iniziare da questo sulla saga dei Bridgerton!

57794105. sy475 Titolo
A Sir Philip, con amore

Titolo originale
To Sir Philip, With Love

Autore
Julia Quinn

Traduzione
M. Fiumali

Saga
Bridgerton #5

Editore
Mondadori

Pubblicazione
Aprile 2021

Genere
Romance, storico
Formato

Cartaceo (14,50€) ~ Digitale (5,99€)
Pagine

324

Acquisto
Sito editore

Sir Phillip Crane si aspettava che Eloise Bridgerton fosse una persona semplice e di poche pretese, quando le ha fatto la sua proposta di matrimonio: una zitella di ventotto anni, d’altronde, non poteva che essere bruttina e pronta a tutto pur di accasarsi. Nel leggere le parole di Sir Phillip, Eloise ha pensato che fosse completamente pazzo: come poteva presumere che lei sposasse qualcuno che non aveva mai conosciuto, con cui si era solo scambiata delle lettere? Poi però, riflettendoci bene, fantasticando anche un po’, ha cambiato idea e in un attimo si è ritrovata in viaggio, nel cuore della notte, su una carrozza presa a nolo, per incontrare l’uomo che già immagina come il marito ideale. E ora sono lì, uno di fronte all’altra e scoprono… be’, scoprono di essersi sbagliati! Phillip si vede davanti una donna determinata, curiosa, intelligente e bellissima, che lo travolge con la sua personalità e gli fa venire un desiderio bruciante di baciarla.
Eloise invece rimane delusa: Sir Phillip è bello, è vero, ma anche rozzo e maleducato, ben diverso dai gentiluomini londinesi che lei ha sempre frequentato. E per di più ha due figli pestiferi che avrebbero proprio bisogno di una madre. Ma non appena le loro labbra si toccano, Eloise non può fare a meno di chiedersi se quell’uomo palesemente imperfetto non possa essere… perfetto per lei.

Eloise ha sempre creduto che sarebbe rimasta zitella e non le pesava, almeno finché la sua migliore amica Penelope si è sposata (con suo fratello Colin), poi tutto è cambiato e per Eloise Bridgerton la vita da sola non è più stata un’opzione da seguire. E la soluzione è nelle lettere che, da un anno a questa parte, rendono la sua giornata diversa da qualsiasi cosa le sia mai accaduto prima.
Sir Philip Crane ha perso la moglie in un terribile incidente, l’ha vista togliersi la vita e adesso è chiuso in sé stesso. Philip si concentra sul suo lavoro, ha paura di rapportarsi ai suoi figli gemelli e teme di trasformarsi nel mostro che era suo padre se solo dà retta alle marachelle dei bambini. L’unico momento in cui riesce a essere libero è con le lettere di Miss Eloise Bridgerton, cugina di sua moglie e una delle poche voci che rendono la sua vita migliore. E che potrebbe risolvere il suo problema, dargli una madre per i suoi figli e una moglie per lui.

Era eccitante.
No, era terrificante.
Era, probabilmente, la cosa più folle che avesse mai fatto in vita sua; ma si sarebbe potuta rivelare la sua opportunità di essere felice.

Ecco perché le propone il matrimonio… per lettera. Ed Eloise è tanto avventata da accettare e trascorrere una settimana con l’uomo che le ha rubato il cuore con le sue parole. E che ha due figli di cui lei non aveva idea, due bambini molto soli e tristi, che sono due piccoli diavoli e che cercano di mandare vis Eloise con ogni mezzo possibile, anche con scherzi che si rivelano anche fin troppo pericolosi.
Tra Philip, taciturno e troppo preso dal lavoro per sapere cosa accade in casa sua, ed Eloise, piena di vita ma ancora insicura davanti a un futuro con un uomo tanto diverso da lei, la situazione sembra costruire un equilibrio davvero precario.
Un equilibrio che rischia di spezzarsi quando in casa Crane giungono i quattro fratelli Bridgerton! Anthony, Benedict, Colin e anche il giovane Gregory corrono per rimediare alla scelta avventata della sorella, salvando lei e minacciando un ignaro Philip. E se arrivano i Bridgerton è certo che le cose stanno per complicarsi ancor di più.
Protagonista di A Sir Philip, con amore è la quinta sorella Bridgerton, Eloise appunto, che ho sempre ritenuto un po’ anonima ma che è diventata la mia seconda Bridgerton preferita, grazie a una storia avventurosa a modo suo.

Mentre guardava il volto di lei trasformarsi per un sorriso, comprese che non gli importava affatto di sapere perché se ne fosse andata.
Doveva solo assicurarsi che restasse.

La storia d’amore tra Philip ed Eloise si sviluppa attraverso una lettura intrigante, che mi ha fatta davvero emozionare e che non mi sarei mai aspettata prima di iniziare questa serie di libri, e nemmeno dalla serie tv! Eloise, refrattaria alla vita mondana di Londra, mi ha dato l’idea del topo da biblioteca sin da subito e invece si dimostra una donna avventurosa, un po’ sconsiderata certo, ma determinata come tutti i Bridgerton a ottenere il proprio lieto fine, con un uomo introverso e poco avvezzo alla bontà, che non sa come esprimere i propri sentimenti con lei, ma soprattutto con i propri figli a causa dell’uomo che lo ha cresciuto.
Come secondogenito di un uomo maniacale e violento, Philip è cresciuto all’ombra della perfezione rappresentata dal fratello maggiore, morto in guerra a Waterloo e per questo visto come un eroe inarrivabile, e si è ritrovato a sposare la donna che avrebbe dovuto essere sua cognata, Marina, una giovane eternamente triste e depressa che ha portato via con sé anche la gioia dei figli gemelli, Amanda e Oliver Crane, oltre che quella dello stesso Philip. Per questo per lui le lettere di Eloise sono state tanto importanti; per questo la stessa Eloise diventa una presenza vitale nella sua casa e nella sua esistenza, oltre che in quella dei suoi figli. Ma più nella sua, visto che la gelosia sembra tormentarlo quando quella giovane chiacchierona dedica il proprio tempo ai più piccoli.

«Ho pensato che sarei potuto affogare nei tuoi occhi. Ho pensato» aggiunse avvicinandosi, la sua voce ridotta a un sussurro «di poter affogare dentro di te.»

Ho apprezzato davvero tanto questo volume e la storia di Philip, Eloise, Amanda e Oliver, forse proprio per la presenza dei due piccoli e turbolenti figli di Philip, che rappresentano anche la ragione della sua trasformazione come padre e marito. Anche Eloise lo aiuta e lei cresce a sua volta come donna, dimostrandosi la Bridgerton più furba e determinata che ho incontrato finora.
Lo stile di Julia Quinn è una garanzia, ma a dare quel qualcosa in più qui sono di sicuro i personaggi, con le loro imperfezioni, le mancanze e le paure che si combinano per trasformarli e renderli migliori, per dar loro la possibilità di crescere più di quanto mi aspettassi all’inizio. Il lato romantico è meno idealizzato, non che lo fosse nei libri precedenti, è più “terra terra” – passatemi il termine – e primitivo, il che rende Eloise e Philip un po’ più realistici e questo mi è piaciuto davvero tanto.

Mi sono piaciuti proprio tanto e non vedo l’ora che arrivi anche la loro stagione nella serie tv, anche se Netflix ha già anticipato qualcosina! Fatemi sapere se avete letto i libri o se avete visto la serie, o se leggerete/guarderete le storie create da Julia Quinn!

Federica 💋

Your answer

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...