Storytelling Chronicles #15

Buongiorno 😊

Ben ritrovati! Dopo una settimana di fermo, in cui ho recuperato un po’ di energie, torno sul blog un po’ più carica! E per ricominciare mi sembra giusto partire con un nuovo racconto da inserire all’interno della rubrica di scrittura creativa della Storytelling Chronicles! Come ormai saprete, la rubrica nasce da un’idea di Lara, blogger de La Nicchia Letteraria, con la grafica di Tania di My Crea Bookish Kingdom, e ogni mese prevede la stesura di un racconto con un tema sempre diverso. Ad aprile la tematica scelta è stata: il sogno!

Per l’occasione, ho continuato a seguire la storia di Elizabeth e Marcus, i personaggi nati nel racconto dello scorso mese. Ecco come prosegue la loro storia!

Buona lettura.

Ciò che il ton si attende

I giovani gentiluomini approvati dal ton assomigliavano a una schiera di insipidi cicisbei.
Marcus osservò la sala da ballo di Lady Crosswell e dovette trattenere uno sbuffo di fronte all’inconsistenza degli interessi che i lord dell’alta società, titolati o meno, dimostravano nel fluire delle diverse conversazioni. La viva e acuta intelligenza di Elizabeth avrebbe sofferto in un matrimonio mal assortito, per questo l’unione che auspicava per lei doveva tener conto della comunione intellettuale, molto più che di tutto il resto.
Che di certo lei nemmeno avrebbe immaginato.
«Se la sta cavando a meraviglia, non credi anche tu?» Sua madre tenne lo sguardo su una delle coppie che danzavano in mezzo al salone, la figura di Elizabeth avvolta in un abito dalle tinte tenui che ne metteva in risalto la pelle perfetta. «Questo è il secondo ballo con Mr Crosswell.»
«Il secondo?» Quando era avvenuto il primo? E perché lui non se n’era accorto? Colton adocchiò il gentiluomo in questione, studiando la distanza rispettosa che comunque teneva da Elizabeth e assumendo un cipiglio scontroso quando si accorse che entrambi sorridevano.
«Oh, Marcus, se non ti vedessi con i miei occhi, direi che sei rimasto in campagna.» La canzonatura di sua madre colpì nel segno. In qualche modo era la verità, perché erano tornati a Londra da tre settimane, ma lui sentiva che la propria mente era rimasta a Haynes Manor. «La scorsa settimana, al ballo dei Thompson, sono stati presentati e hanno ballato una quadriglia. Come adesso.»
Ricordava quella sera. Il primo vero ballo dopo una serie di cene formali e due serate musicali in cui Elizabeth si era dimostrata un’attrazione più interessante della musica. Tuttavia aveva perso il conto di quanti giovani si erano fatti avanti per conoscerla.
«Due balli non fanno una dichiarazione» liquidò l’idea, aggiustando i polsini della giacca con un gesto secco. «Determinano a malapena un barlume di interesse.»
«È anche vero che il ballo giusto accende l’interesse e porta a una dichiarazione.» Sua madre accennò un sorriso nostalgico e colmo di infinita tristezza. «A Daisy è bastato un valzer per innamorarsi del marchese di Brury. E lo stesso è accaduto a lui.»
Dolore e vuoto scavarono un solco nel petto di Marcus. «Ciò che condividano era speciale.»
«E così sarà per la nostra cara ragazza. Molti giovani sarebbero disposti a sposare Lady Whitmore, tuttavia Mr Crosswell potrebbe essere perfetto per Elizabeth.»
«Di certo per lui lo è la sua dote. Crosswell è un secondogenito con una rendita nettamente inferiore a quella del fratello maggiore.» Ciò portò il cipiglio del duca a incupirsi e a fargli pontare un’occhiata cupa sul giovane. Avrebbe indagato sulle sue finanze il prima possibile.
«Certi argomenti tienili per altri circoli» lo rimproverò la madre, il ventaglio usato per colpirlo sull’avambraccio. «E il cinismo non ti si addice, figlio mio. Mr Crosswell è un uomo per bene, a modo e dall’intelletto vivace. Di certo una buona scelta per la nostra Lizzie.»
«Vedremo, madre. Quel che non capisco» aggiunse, l’animo sollevato quando sentì risuonare l’ultima nota della quadriglia, «è l’insistenza di Elizabeth per sposarsi.»
«È giusto così, caro.» La madre sfilò il braccio da quello del figlio e nascose le labbra dietro al ventaglio aperto. «Io e Lizzie abbiamo avuto modo di parlare spesso del suo futuro ed entrambe siamo d’accordo sulla necessità almeno di guardarsi attorno. Ora, smetti di essere così arcigno e sorridi, o la nostra cara Lizzie crederà che per te sia un peso sostenere la sua stagione.»
Marcus annuì e si sforzò di distendere l’espressione contrariata. Non lo infastidiva dover presenziare a tanti eventi sociali per il bene della sorella di suo cognato, né l’avere a che fare con i pupilli del ton, con madri e giovani donne alla ricerca di un marito. Quello che rabbuiava il suo umore era la certezza che tanti dei pretendenti di Elizabeth fossero amici suoi e del fratello, quindi ne conosceva pregi e difetti e sapeva quali avrebbero potuto catturare l’interesse della giovane ancor prima che le fossero presentati.
Sapeva chi avrebbe rappresentato un degno partito per Elizabeth e chi invece era soltanto un perdigiorno. E quella sera nessuno degli ospiti che riusciva a scorgere rientrava nella prima categoria. Doveva indagare su quel Mr Crosswell, ma finché non vi avesse visto più chiaro su di lui, lo avrebbe tenuto d’occhio in ogni istante.

Henry Crosswell eseguì l’inchino e Lizzie si ritrovò a sorridere quando lui le porse il braccio per scortarla dalla sua chaperon. Chissà se Lady Haynes sapeva che lei e Henry erano amici sin da bambini; di certo non immaginava che la presentazione avvenuta due settimane prima non era stata altro che la scusa per rinnovare una conoscenza interrotta dagli anni di lutto.
«Diventare grande ti ha anche resa aggraziata, Lizzie» la prese in giro Henry, mentre avanzavano in mezzo alle altre coppie. «Non credevo saresti mai diventata una brava ballerina.»
«Potrei dire lo stesso di te, ma sappiamo entrambi che è solo merito mio se non mi hai pestato i piedi.» E delle lezioni di ballo che da piccoli seguivano insieme alle cugine di Henry.
Lizzie e Alec erano cresciuti nella tenuta di campagna del padre, dove gli unici amici che frequentavano erano le figlie della grande dimora confinante, le lady Charlotte e Sarah Shift, e i cugini di quest’ultime, tra cui Henry, di un paio d’anni più grande di lei. Lizzie lo ricordava da bambino, con i suoi riccioli castani e le ginocchia sporgenti, mentre adesso si era trasformato in un giovane uomo dai tratti decisi e definiti, con labbra piene su cui era facile scorgere un costante sorriso. Henry emanava buon umore e per lei non era una sorpresa sentirsi così a proprio agio in sua compagnia.
Poter ballare, poi, era un vero e proprio sogno, e farlo con lui stava diventando estremamente piacevole. Tra coloro che aveva conosciuto e ritrovato dopo il rientro a Londra, Henry Crosswell si stava dimostrando la compagnia migliore di tutte.
«Devo riportarti dal duca e da sua madre? O vuoi un rinfresco?»
Le premure dell’amico la fecero sentire al sicuro, e in vena di proporgli un piano folle. «Ti andrebbe una passeggiata? Qui o in terrazza, così possiamo chiacchierare ancora qualche minuto.»
Gli occhi scuri di Henry guizzarono allegri, complici nel voler prolungare quel momento insieme. «Con molto piacere.»
Lizzie apprezzò la sua compagnia, entrambi presi a scambiarsi racconti su ciò che ne era stato delle loro vite da quando si erano persi di vista, della ragione che li aveva riportati tutti e due nella capitale dopo anni passati in campagna.
«Mi è dispiaciuto molto per tuo fratello e sua moglie» disse Henry, scortandola verso il parapetto della terrazza affollata da coppie e gruppi che come loro si godevano la frescura dei giardini. «Deve essere stato un duro colpo, immagino.»
«Sì, molto.» Il sorriso di Lizzie si increspò ma non permise che vacillasse. Obbligò gli angoli delle labbra a restare sollevati e si sforzò di mantenere il tono leggero. «Però avere i miei nipoti di cui occuparmi ha reso gli ultimi anni un concentrato di impegni e amore.»
«Sono bambini fortunati ad avere te a occuparsi della loro salute» Henry le strinse la mano, un gesto di conforto che avrebbe dovuto almeno sorprenderla per la sua intimità e che invece non la stupì affatto. Non quanto il tono incredulo delle parole che aggiunse subito dopo. «E a godere della protezione del duca di Colton. Tutto il ton sa quanto Sua Grazia tenga a loro, pur nelle condizioni che hanno portato a questo rapporto.»
«Condizioni?»
Henry si strinse nelle spalle, colpito dal tono seccato dell’amica. «Non era tenuto a farsene carico.»
«Anche Sua Grazia è loro zio. Non vedo perché debba sorprendenti che si occupi di loro.» Forse sorprendente è che lo faccia anche con me. Il pensiero sibillino le restò incastrato al centro del petto, mentre il fastidio per ciò che Henry aveva detto la portò a stringere le braccia al petto. «Non perché è un uomo e un duca è esentato dai doveri verso la famiglia.»
«Non era mia intenzione alludere a qualcosa di simile, Lizzie. Forse dovremmo cambiare argomento.» Henry le mostrò un sorriso affabile. «Non voglio rovinare questa serata.»
Lizzie si ritrovò a mostrare un sorriso tirato, nascondendo la propria irritazione di fronte alla sufficienza con cui aveva chiuso l’argomento. O all’insinuazione che Marcus non fosse tenuto a occuparsi di Thomas e Alicia.
«Da quanto non vedi Charlotte e Sarah?»
«Qualche mese. Lo scorso giugno sono venute a trovarmi a Haynes Manor con la madre. Ho saputo che Charlotte si è fidanzata.»
«Sì, con sir Alex Stratton. È l’erede del conte di Beaufort.»
Entrambi restarono in silenzio per diversi minuti ma quando la voce di Crosswell interruppe la contemplazione dei giardini, Lizzie fu attraversata dalla consapevolezza di aver forse frainteso la compagnia del vecchio amico. Soprattutto quando aggiunse: «Immagino che il fidanzamento, poi il matrimonio, sia un’occasione unica per una giovane lady».

«Dovrebbe esserlo anche per il fidanzato e futuro sposo, non credi?» lo incalzò. «Altrimenti quale senso avrebbe interessarsi al matrimonio?»
Henry scosse appena la testa, un sorriso bonario a scaldargli i tratti. «Certo, ma credo sarai d’accordo che siete voi donne a trarne maggior gradimento. A noi basta avere una padrona di casa impeccabile e capace.»
«Hai appena descritto la migliore delle governanti, Henry, non una moglie.» Esitò davanti a un tema così poco adatto a riportare la conversazione su un terreno neutrale. «Però sì, lo si attende sempre con ansia ed eccitazione. Un buon matrimonio è il sogno di ogni donna.»
Il sorriso di Henry si approfondì. «Ed è anche il tuo, Lizzie?»
Un campanello d’allarme le risuonò nelle orecchie, il ricordo di una vecchia promessa che si affacciò tra i suoi pensieri e la portò a voltare il viso verso il giovane uomo che le stava a fianco. Anni dimenticati le si riversarono addosso come pioggia insistente e improvvisa, mettendola di fronte a una possibilità che forse avrebbe messo fine alla sua ricerca dopo solo tre settimane.
«Henry?»
«So perché sei tornata a Londra e, anche se sono solo parole dette da un bambino, ciò che pensavo a dieci anni vale ancora adesso» commentò, guardandola dritta negli occhi. «Sarebbe un onore averti come moglie. Tienilo a mente, ti chiedo solo questo.» Lizzie, scioccata, poté solo annuire e accettare il suo braccio quando la invitò a fare due passi.
Lizzie si lasciò guidare mentre indirizzava entrambi verso la portafinestra, diretti di nuovo verso il salone affollato e la sua chaperon. La piccola discussione aveva alterato il suo buonumore, portandola a chiedersi quanto fosse diversa la visione di Henry da quella che lei condivideva con Marcus, e ora il discorso sul matrimonio aveva sconvolto tutta la sua serata. Che fosse stata così eloquente nel mostrare le ragioni per cui aveva abbandonato Haynes Manor? Oppure Henry, nonostante fossero passati anni, ancora la conosceva abbastanza da capire cosa la spingesse a frequentare ogni serata a cui sapeva avrebbero preso parte anche gli scapoli più ambiti del ton?
Le sue intenzioni non erano un mistero, ovvio, ma forse avrebbe potuto attendere di avere le idee un po’ più chiare sul proprio sogno prima di mettersi a stilare una lista di candidati adatti al matrimonio. Non che Henry non vi rientrasse, ma Lizzie avrebbe voluto godere di un po’ più di tempo per capire cosa desiderasse dal suo futuro sposo. E soprattutto per capire cosa le piacesse.
Ora si ritrovava con un pretendente che nemmeno aveva preso in considerazione e una lista di dubbi che nemmeno riusciva a decifrare.
«Ti ho sconvolta, vedo.»
«Molto. Devo ammettere che non me l’aspettavo, non da te.» Strinse le dita attorno al suo braccio, consapevole solo in quel momento di quanto sembrasse sgarbata la sua risposta. «Non intendevo offenderti.»
Henry rise. «Nessuna offesa, Lizzie. Ma spero mi terrai in considerazione quando avrai la tua lista di candidati per realizzare il matrimonio dei tuoi sogni.»
«Se ne avrò una…» Si sentiva così persa e indecisa, all’oscuro di tutto ciò avrebbe dovuto tenere a mente per decidere chi sarebbe stato il marito più adatto per lei. «Ho così tanti dubbi in questo momento da non credere di poterlo mai ottenere, quel matrimonio.»
«Se posso aiutarti in qualche modo» si offrì subito Crosswell, fermandosi per prolungare ancora un po’ il loro incontro, «non esitare a chiedere.»
«Forse…» Si bloccò. No, non essere sciocca, Lizzie. Marcus direbbe che è un’idea stupida. Ma il duca non era lì e lui non capiva di cosa davvero avesse bisogno per trovare l’uomo adatto a lei, capace di stimolare la sua mente e la sua curiosità in ogni senso possibile. Magari Henry avrebbe potuto fare al caso suo. «Forse c’è un modo in cui puoi aiutarmi. E avere buone possibilità di trovarti su quella lista.»
Gli occhi di Henry si illuminarono. «Tutto ciò che serve.»
«Bene.» Lizzie esultò tra sé prima di sussurrare: «Allora vorrei essere baciata». 

Le sue stanze non gli erano mai sembrate tanto piccole. Marcus le trovava claustrofobiche mentre misurava a grandi passi la distanza che separava il letto dal camino. Avanti e indietro, il duca assomigliava a un impaziente leone in gabbia dalla criniera dorata spettinata, i cui pensieri caotici ripercorrevano gli eventi accaduti al ballo dei Crosswell ancora e ancora, alla ricerca di una ragione che spiegasse le ombre negli occhi di Elizabeth.
L’aveva vista chiacchierare con Crosswell in terrazza dopo il loro ballo insieme; lui avrebbe voluto raggiungerli ma sua madre lo aveva trattenuto, certa non vi fosse nulla di sconveniente e che desse ai due giovani modo di conoscersi meglio pur sotto l’attento sguardo della buona società. Marcus aveva stretto i denti, per concedere a Elizabeth l’occasione di scegliere da sé come progettare il proprio futuro, tuttavia gli era servito tutto il proprio contegno ducale per restare nel salone e conversare con le lady che gli venivano presentate.
Aveva chiacchierato e danzato, almeno finché non aveva perso di vista Crosswell, e con lui Elizabeth. Ricordò quei minuti di panico e furia cieca e sentì rimontare entrambe le emozioni, cruente, intense come se le stesse vivendo per la prima volta in quell’istante. Non era servito ritrovare la giovane accanto a sua madre per tranquillizzarsi. Perché anche se sorrideva e teneva viva la conversazione com’era solita fare, Elizabeth non sembrava felice, quanto piuttosto tesa e distante. Una volta rientrati, aveva cercato di capire cosa non andasse, ma lei si era ritirata con la scusa di un gran mal di testa. Era accaduto due ore prima e Marcus camminava avanti e indietro nelle proprie stanze da allora.
Rivide l’ombra che aleggiava nei suoi occhi verdi e sentì il bisogno di bere.
Attraversò la casa silenziosa diretto verso la biblioteca, e verso l’armadietto dei liquori che un suo antenato aveva nascosto dietro una delle librerie. Annegare il senso di impotenza nell’alcol era una pessima decisione, ma l’alternativa era irrompere nella camera di Elizabeth e obbligarla a raccontargli cosa avesse guastato il suo buonumore. E poi correre da Crosswell a chiedere soddisfazione. Perché, benché lei non ne avesse fatto accenno, Marcus era certo che fosse accaduto qualcosa con il giovane, qualcosa le cui conseguenze l’avevano sconvolta.
Aprì la pesante porta di legno e la prima occhiata che diede all’interno lo fece restare bloccato sulla soglia. Il camino in fondo alla stanza riversava una luce calda sulle mensole e i ripiani colmi di libri antichi, le fiamme che scoppiettavano quiete e che lo sorpreso per la loro presenza. Avanzò di un passò e si ritrovò in impaccio, paralizzato dalla vista di una sagoma rannicchiata su una delle grandi poltrone, i giochi di luce del camino e le ombre della stanza che si inseguivano sul viso e sul corpo della giovane che contemplava il fuoco, e che sembrava non essersi accorta del suo arrivo.
Impiegò diversi secondi a riprendersi dallo stupore e altri ne occorsero affinché il duca di Colton riuscisse a ritrovare la voce. Tuttavia, il suono che produsse gli ricordò un lamento strozzato. «Elizabeth?»

Lizzie ruotò il capo con calma, gli occhi che incrociarono quelli stupefatti di Marcus e poi lo osservarono nella sua interezza. La giacca da sera e il panciotto indossati al ballo erano scomparsi, il duca che per la prima volta le si presentava come un qualsiasi essere umano, in maniche di camicia arrotolate sulle braccia tornite, pantaloni sgualciti e una chioma ridotta a un caotico groviglio di ciocche scomposte.
La vista la sorprese in modo positivo e un sorriso stanco le si disegnò sulle labbra quando tornò a guardarlo in volto. «Allora non siete sempre perfetto nemmeno voi, Marcus.»
Lui ricambiò il cenno e Lizzie sentì finalmente la cappa di tristezza allentarsi, un vago barlume di luce in una serata altrimenti strana e priva delle rivelazioni che tanto aveva atteso. Si sentiva così sciocca, e sbagliata, una lady del tutto incapace rispetto al ruolo sociale che rivestiva. Tuttavia, quando il duca le si avvicinò, gli eventi delle ultime ore le sembrarono un po’ più tollerabili. Lì, in quella casa e con quella famiglia, almeno sapeva di poter essere sempre se stessa.
«Non ho mai preteso di esserlo. La perfezione non si addice a noi umani» replicò, la mano poggiata sullo schienale della seconda poltrona. Marcus fu sorpreso dal vederle tra le mani un bicchiere di liquore, tanto quanto dal realizzare che non indossava altro che la camicia da notte e la vestaglia. «Potrei dirmi sconvolto dalla vostra presenza e dalla scelta della bevanda, ma non sono così ipocrita da credere che solo gli uomini abbiano bisogno di bere, di tanto in tanto.»
Lizzie si strinse nelle spalle e bevve, gli occhi che le scivolarono di nuovo sulle fiamme del camino. «Mio padre diceva sempre che un goccio di brandy semplifica i problemi.»
«Ci credete anche voi?» le domandò, curioso di sentire la sua risposta, mentre si serviva anche lui e prendeva posto davanti alla ragazza.
«Forse. Ma credo anche che li annebbi tanto da essere irriconoscibili alla fine.» Come lo è adesso il viso di Henry. A quel pensiero Lizzie premette il vetro freddo del bicchiere contro la fronte, osservò il fuoco attraverso il liquido e sentì il cuore sprofondarle. «Quale che sia la verità, il suo sapore è di gran lunga migliore degli effetti che produce.»
«Sì, concordo.»
Il duca assaporò il bruciore del liquore lungo la gola, in attesa di trovare il coraggio per affrontare l’argomento che lo tormentava. Elizabeth emanava ancora la stessa tristezza di quando avevano lasciato il ballo e che fosse venuta in biblioteca a tarda notte lo impensierì. La certezza che volesse stare sola lo spinse a stringere le mani attorno al bicchiere, i gomiti posati sulle ginocchia e lo sguardo fisso su di lei. Qualunque cosa le fosse accaduta con Crosswell l’aveva messa all’angolo e per Elizabeth era una condizione inusuale; non l’aveva vista crollare nemmeno tre anni prima, quando le loro vite si erano intrecciate attorno a quelle dei loro nipoti, perciò avvertiva una preoccupazione intensa davanti a quel suo mutismo.
Era da tempo che quella giovane rappresentava per lui un mistero, le motivazioni che la spingavano a sposarsi un altro segreto che né lei, né sua madre gli avevano rivelato. Continuavano a ripetere che fosse ora per lei di trovare un buon partito, che l’attendeva una casa sua, ma quando Marcus la osservò vide solo una ragazza cresciuta in fretta. Sulle sue spalle premevano preoccupazioni che neanche lui, un duca, sapeva come alleviare.
«Come avete conosciuto Crosswell?» chiese alla fine, il desiderio di scoprire cos’era accaduto che gli premeva sul cuore. «Avete detto che siete vecchie conoscenze.»

Lizzie raddrizzò la schiena e sorseggiò il brandy prima di voltarsi verso Marcus. Il duca la stava studiando con attenzione, il corpo piegato in avanti, quasi la invitasse a confessare e confidarsi con lui. Avrebbe già voluto farlo, ma la certezza di apparire inadeguata le aveva chiuso la gola, il timore di leggere il biasimo in quegli occhi così azzurri da lasciarla senza parole. Lo stesso biasimo che aveva oscurato quelli di Henry quando gli aveva confidato la verità.
«Eravamo amici da bambini. Io, Henry e le sue cugine, Charlotte e Sarah Shift. La loro tenuta confina con quella di mio fra… di Thomas, Brury Park» si corresse, un nodo di dolore che soffocò entrambi. «Siamo cresciuti insieme, prima che Henry partisse per la scuola e io seguissi mia madre in Francia.»
Quegli anni passati oltremanica l’avevano separata da suo fratello e da tutti gli affetti che aveva in Inghilterra, tuttavia le avevano anche insegnato quanto valore dovesse tributare a se stessa al di là di quello che la società le riconosceva come donna. In quella terra straniera, sua madre possedeva un titolo che sarebbe stata lei a ereditare, in un futuro che sperava lontanissimo, mentre lì non era che una dote da valutare e una possibile genitrice di eredi maschi dal nobile pedigree.
«È stato difficile? Daisy diceva che voi e Alec eravate molto vicini.»
«Lo è stato, i primi tempi. Non sapevo perché io e mia madre fossimo state allontanate, ma la vita non è stata più la stessa» ammise, confidando qualcosa che aveva condiviso solo con suo fratello maggiore. «Quei primi anni sono un limbo, dove ho imparato che la mia perfetta vita da lady era un’esistenza sempre in bilico, un sogno a cui aspirare solo grazie alla benevolenza di un uomo che a stento tollerava la mia presenza.»
«Mi dispiace tremendamente.» Marcus avrebbe voluto stringerle la mano tra le sue, cancellare quei ricordi tristi e alleviare la sofferenza di una bambina la cui colpa era di essere sopravvissuta al gemello malato. Avrebbe voluto sfidare a duello l’ormai defunto marchese di Brury per il dolore inferto alla figlia. «Voi non avreste dovuto pagare per la morte del piccolo Thomas. Avete sofferto più di chiunque altro, non solo per essere stata allontanata.»
Elizabeth guardò il duca di Colton e fu come vederlo davvero per la prima volta. Si sentì rincuorata dalle sue parole, la commozione che minacciò di farla scoppiare in lacrime, mentre quell’uomo forse spesso troppo serio dimostrava una comprensione aliena tanto al suo titolo quanto al suo ruolo nella loro società. Capì in quell’istante perché Alec avesse visto in lui un caro amico, perché avesse lasciato i suoi figli sotto la tutela di Marcus. Perché vi avesse lasciato anche lei.
«Grazie. Senza Alec e Daisy, oltre a mia madre, voi siete il solo a pensarlo.» Lizzie finì il liquido dalle sfumature rossastre. «Nostro nipote porta il suo nome e sono grata ad Alec per averlo scelto. Ogni giorno guardo Thomas ed è come se entrambi i miei fratelli fossero ancora qui con me. Capite, vero?»
Marcus si limitò a un cenno d’assenso. Per lui era così con Alicia, ogni istante un viaggio a ritroso nella sua infanzia con la sorella. Quei bambini rappresentavano per entrambi una responsabilità e una gioia senza pari, perché in essi rivedevano le persone care che la morte aveva reclamato troppo presto.
«Perdonatemi» aggiunse Lizzie, schiarendosi la voce mentre si alzava. «Non sono esattamente una piacevole compagnia.»
La ragazza adesso si trovava davanti a lui, il fuoco alle sue spalle che ne metteva in evidenza la statura e il fisico. Marcus restò senza parole, conscio della sconvenienza di tutto ciò che stava accadendo in quella stanza. Parlavano soltanto, sì, ma l’intimità che si era creata tra loro sarebbe stata sufficiente per gridare allo scandalo, se solo qualcuno lo avesse scoperto. Ma nessuno lo saprà mai, pensò con sollievo. L’intera casa dormiva, fatto salvo per loro due, e lui avrebbe potuto godere ancora un po’ della sua presenza, della libertà che di certo entrambi avvertivano in compagnia l’uno dell’altra.
Forse fu per quello che abbandonò ogni pretesa di formalità quando disse: «Sei la sola compagnia che avrei desiderato avere in questo momento». E scoprì di aver detto la verità, non solo una cortesia dovuta a una lady.
Le labbra di Lizzie si aprirono al primo, vero sorriso felice che si fosse concessa da qualche ora a quella parte. Sapeva di essere davanti a una situazione del tutto intollerabile, più per lei che per Marcus, ma era stanca di sentire il peso delle aspettative. Volle assaporare la tranquillità dell’essere se stessa con qualcuno che non l’avrebbe mai fatta sentire sbagliata o in difetto, con una persona degna della sua fiducia.
«È lo stesso per me» rivelò Lizzie, tornando a sedersi quando lui la incitò a farlo con un cenno. Restarono entrambi trincerati nei propri pensieri per alcuni minuti, il crepitio del fuoco come unico suono a riempire il silenzio della stanza. Poi, però, si sentì in dovere di aggiungere qualcosa e così fece. «Scusa se sono stata scortese, quando siamo rientrati. È stata una serata faticosa.»

Marcus non riuscì a impedire alla propria bocca di arricciarsi in una smorfia, che provò a nascondere bevendo ciò che restava del suo drink; tuttavia avvertì su di sé lo sguardo di Elizabeth e quando le rivolse la sua attenzione, la trovò con un sopracciglio alzato, la richiesta di spiegare quella reazione ben evidente sul suo volto.
«Ti è accaduto qualcosa, al ballo dei Crosswell, e ne sei rimasta sconvolta.» La tensione che le serrò le spalle fu la conferma che Marcus andava cercando da ore. Strinse la mascella e la rabbia gli scaldò il sangue. «Chi devo affrontare, Elizabeth?»
Lei volse gli occhi e il viso altrove, scuotendo il capo, e quella fuga spinse il duca ad abbandonare il proprio posto per accovacciarsi accanto alla poltrona della giovane. Le dita si mossero senza che ne ebbe la piena consapevolezza, trovarono la guancia accaldata di Elizabeth e la pregarono di voltarsi di nuovo nella sua direzione. Quel tocco li paralizzò entrambi, eppure Marcus fu il primo a riprendersi, stringendo le dita della mano libera attorno a quella che lei aveva abbandonato in grembo.
«Sfiderò chiunque ti abbia mancato di rispetto. Basta solo un nome, Elizabeth» insistette, i loro visi così vicini che nulla potevano nascondere dei loro pensieri. «Non c’è titolo o famiglia al di sopra della giustizia. Se Crosswell si è preso troppa libertà…»
«Non è stato Henry» si affrettò a correggerlo Lizzie. Signore, che malinteso, gemette tra sé mentre lo scetticismo di Marcus le rivelava che non le credeva fino in fondo. Se solo sapesse la verità!
Confessarla avrebbe riaperto le porte alla vergogna, e non avrebbe sopportato il biasimo anche da parte di Marcus. Tuttavia lui non demorse e Lizzie avvertì la tensione crescere; più Marcus le chiedeva come potesse aiutarla, più l’ansia le aggrovigliò lo stomaco. Finché tutta quella pressione non esplose.

«Sono stata io» mormorò, zittendo il duca. «Io ho infranto l’etichetta, chiedendo a Henry qualcosa che non avrei dovuto. Ma non devi preoccuparti. Mr Crosswell è stato un tale gentiluomo da farmi riconoscere il mio errore e da assicurarsi che non lo commetta mai più.»
Né con lui, né con nessun altro in questa città. Anche se aveva cercato di mettere in pratica gli insegnamenti di sua madre per capire come poter raggiungere l’unione perfetta, la sola capace di regalarle un matrimonio d’amore felice e in grado di superare ogni difficoltà.
«Cos’è successo? Perché è chiaro che il modo in cui ti ha trattata ti ha resa infelice.» Marcus allontanò le dita dal suo viso, una parvenza di decoro che ormai si erano lasciati alle spalle. «E nessun gentiluomo rende triste una lady.»
«È inevitabile, se la lady in questione non si comporta come tale.» Si prese un secondo per riflettere su quali parole forse meglio usare, per poi raccogliere tutto il coraggio di cui disponeva e iniziare a parlare. «Qualche giorno prima di partire per la Francia, dissi a Henry che andandomene non avrei più avuto la possibilità di fare un buon matrimonio. Era una considerazione sciocca e stupida, come possono esserlo solo quelle di una bambina che ancora non ho compreso come funziona il mondo. All’epoca, non conoscevo nulla della vita e men che meno cosa significasse la parola “matrimonio”, anche se noi donne veniamo cresciute con il sogno di farci accompagnare all’altare non appena diventiamo adulte.»
«Magari non sapevi cosa implicasse, ma capivi che rappresentava l’idea di avere una famiglia. Stavi abbandonando tutto ciò che conoscevi, perciò credo sia normale provare quel tipo di timore.»
«Credo sia così» concesse Lizzie. «Tuttavia quando lo dissi a Henry, lui fu così gentile da assicurarmi che sarebbe stato pronto a sposarmi non appena fossi tornata in Inghilterra. Fino a stasera avevo dimenticato del tutto quella promessa.»
Marcus avvertì un odio immediato, sia per quel bambino, sia per il giovane uomo che di certo aveva approfittato della serata per assicurarsi di ricordare a Elizabeth quel momento del loro passato. Cercò di rammentare a se stesso che all’epoca non erano che dei bambini e che nessuna promessa fatta a quell’età potesse essere davvero vincolante. Eppure quasi imprecò quando Elizabeth raccontò della solerzia con cui si era fatto avanti, seppur con la scusa di rispettare un vecchio patto tra amici.
«Sarebbe stato perfetto, non ti sembra? Quando decido di sposarmi, ecco che trovo un probabile pretendente senza quasi muovere un dito. Un vero sogno.»
Magnifico, mugugnò il duca tra sé, affatto convinto che fosse la soluzione migliore. Tuttavia qualcosa nel tono di Elizabeth lo mise sull’attenti. «Cos’è che non ha funzionato?»
«Io.» La risata di Lizzie si spezzò in fretta, affranta dalla gravità di ciò era accaduto. «A quanto sembra, la mia educazione manca della pudicizia e della compostezza mansueta degne di una vera lady inglese. A detta di Henry, gli anni passati con mia madre in Francia mi hanno precluso l’apprendimento delle più basilari norme di comportamento che la società si aspetta dalla figlia di un defunto marchese.»
«In pratica, ti ha dato della selvaggia» commentò, riducendo all’osso l’offesa portata avanti da Mr Crosswell. Ora Marcus aveva un’ulteriore scusa per avvicinarlo e rimetterlo al proprio posto. «Perché?»
«Perché gli ho chiesto di baciarmi.»

Lizzie sapeva di aver appena segnato la propria reputazione in maniera indelebile. Esporsi in quel modo, soprattutto a un evento pubblico, era una macchia impossibile da dimenticare e che, se scoperta, avrebbe spazzato via il suo buon nome, influenzando in modo negativo anche Marcus, ma soprattutto i bambini. E che Henry le avesse negato di soddisfare quella richiesta la metteva in una situazione ancora più precaria.
«Si è rifiutato, immagino, visto ciò che ti ha detto.»
Il tono di voce tirato di Marcus la spinse ad alzare lo sguardo, che non si era accorta di aver distolto. Il camino proiettava sul suo viso lingue di luce dai colori aranciati, i tratti marcati che emergevano tra le ombre ed esprimevano una risolutezza che Elizabeth sapeva appartenergli per natura, soprattutto quando si trattava di difendere qualcuno della famiglia.
«Sì, e prima di riportarmi da tua madre si è assicurato comprendessi che un tale comportamento non era degno di una lady inglese. Come se essere per metà francese facesse di me un pezzo di carne quasi avariata.» Sbuffò, addolcendo tuttavia il proprio cipiglio quando si accorse che le sue parole avevano acuito il malumore di Marcus. «Non devi preoccuparti. Sentirmi inadeguata come lo sono stata questa sera mi permetterà di non commettere di nuovo lo stesso errore. Credo che i consigli di mia madre in campo sentimentale non siano del tutto canonici, quantomeno per la buona società inglese.»
A quel il suo tentativo di alleggerire la tensione seguì un lungo silenzio, nel quale il duca continuò a studiarla con gli occhi velati da strane emozioni. Mai prima di quella sera erano stati così vicini, né lo erano stati per così tanto tempo, tuttavia non c’era imbarazzo tra loro. Anzi, più il tempo passava più la complicità cresceva. Finché poi Marcus si riscosse dal proprio esame.
«Non sei inadeguata, Elizabeth» disse, la voce bassa e piena. «Né lo è la tua educazione. Solo…»Quando lui esitò, Lizzie sorrise mesta. «Solo non avrei dovuto chiederglielo, lo so. Devo ammettere che l’idea di sposarmi ha causato più confusione che altro. Ma dopo ciò che mi ha detto Henry, ho iniziato a pensare che non sapevo cosa volessi dal mio futuro marito, non davvero.»
«E chiedergli di baciarti ti è sembrata una buona idea?» domandò e un leggero divertimento riuscì a farsi strada tra le sue parole. «Forse iniziare con una passeggiata a Hyde Park o un invito per un tè sarebbe stato più consono.»
«Ma meno illuminante. Secondo mia madre si capisce di più se si è affini a un gentiluomo dopo averlo baciato, invece che dopo una serie infinita di conversazioni su argomenti del tutto privi di importanza.»
Il cuore di Marcus ebbe un tuffo e il duca si ritrovò a sorridere, pur nella totale sconvenienza di quella precisa conversazione. «La duchessa di Charville dimostra ancora la propria forza d’animo, vedo. Ma sì, da un certo punto di vista credo abbia ragione.»
«Potresti essere l’unico nobile da questa parte della manica a pensarla in questo modo.»
«Sono felice che sia così» ammise lui, serrando per un secondo la stretta attorno alle dita di Elizabeth. «E che Crosswell sia stato tanto saggio da non assecondarti.»
Non appena finì di pronunciare quella frase, Marcus si accorse di quanto potesse suonare severa rispetto alle azioni di Elizabeth. Non era sua intenzione criticarla, per quanto l’idea di ciò che sarebbe potuto accadere tra lei e Crosswell lo rendeva nervoso e irascibile; eppure da quelle parole, sembrava quasi esprimere comprensione per le ragioni che avevano spinto il giovane a non baciarla. Come se anche lui le condividesse.
«Perché?» la domanda di Elizabeth lasciò trasparire tutta la sua mortificazione, ma anche una certa rabbia. «Sarebbe così terribile, l’idea di fare ciò che ho chiesto? Sarebbe un tale sacrificio?»
Signore, fa’ che non risponda, implorarono i pensieri successivi di Lizzie. Se le avesse risposto in modo affermativo, era già pronta a preparare la propria valigia e a rifugiarsi in Francia per il resto dei suoi giorni. Pur di non lasciare il tempo a Marcus di rispondere, fu lei a continuare a parlare: «Ogni donna sogna di essere baciata e non capisco cosa la società e il ton vi trovino di scandaloso. Né trovo giusto che a voi sia tutto permesso, ed esentato dal rimprovero sociale.»
«A… noi?» Marcus si sentì perso, anche se aveva compreso a cosa alludesse. Nessuno trovava strano se un uomo chiedeva ciò che aveva cercato Elizabeth, tuttavia che fosse proprio lei a parlargliene lo aveva svegliato di colpo.
In tutti quegli anni non si era accorto, o aveva preferito non vedere, quanto quella giovane fosse cresciuta. Era una donna e lui non aveva il diritto di mettere in discussione le sue motivazioni, qualsiasi esse fossero. Non spettava a lui farlo, neppure se si trovava a fare le veci di Alec. Neppure se sapere che avrebbe potuto essere stata baciata da un qualunque, presunto gentiluomo lo riempivo di disappunto.
«Sì, voi, i perfetti e titolati pari del Regno! Voi uomini siete così pieni di voi stessi da non accorgervi di quanto anche le donne abbiano diritto di decidere da sole come vogliono condurre la loro vita. Vi sbagliate tutti e adesso lo dimostrerò.»
Marcus avrebbe voluto spiegarle che Mr Crosswell non era titolato, né che quel discorso valeva per lui, in quanto non le avrebbe mai imposto alcuna decisione. Tuttavia gli fu impossibile anche solo muovere un muscolo. Perché la rabbia di Elizabeth sfociò nel più imprevedibile e rapido dei movimenti; nel giro di un secondo, il decimo duca di Colton si ritrovò accovacciato davanti al caminetto della biblioteca, incredulo e paralizzato.
Mentre Elizabeth lo baciava.

E fine! Scusate se mi sono dilungata, ma questi due personaggi non volevano proprio lasciarmi finire 😊 Spero che questo nuovo pezzetto dalla storia di Elizabeth e Marcus vi sia piaciuto. In ogni caso, vi aspetto nei commenti per leggere le vostre impressioni.

A presto
Federica 💋

Roaring Twenties tra Gennaio e Marzo!

Buon pomeriggio e buon mercoledì!

Oggi si chiude marzo e si fa un recap delle mie migliori letture di questi primi tre mesi del 2021!

52870500. sx318 sy475 43836256. sy475 44073587. sx318 51477748. sx318 57115246 49111956. sy475 30342522. sy475  56843872

Le recensioni

L’impero delle Tempeste ~ La Corte di Ali e Rovina ~ Amore, libri e piccole follie
Rebel boy
 ~ Dark ~ Anche Ally qualche volta lo fa
La Corte di Fiamme e Argento

Di Vicious ancora non ho avuto modo di scriverla causa lavoro! Tra un po’ rileggerò la serie e farò un’unica recensione!

My Libera Lo Scaffale

  1. L’Impero delle Tempeste di Sarah J. Maas (688 pagine) ✔︎
  2. La Torre dell’Alba di Sarah J. Maas (672 pagine) ✔︎
  3. La Corte di Ali e Rovina di Sarah J. Maas (679 pagine) ✔︎
  4. Il mare senza stelle di Erin Morgenstern (618 pagine)
  5. Seduzione Deliziosa di Tara Sivec (290 pagine)
  6. Intrigo delizioso di Tara Sivec (234 pagine)
  7. Legend di V. E. Schwab (512 pagine) ✔︎
  8. Dark di V. E. Schwab (611 pagine) ✔︎
  9. Questo oscuro duetto di V. Schwab (400 pagine) => In lettura
  10. L’ultimo re di Bernard Cornwell (406 pagine)
  11. Un cavaliere e il suo re di Bernard Cornwell (428 pagine)
  12. I re del nord di Bernard Cornwell (370 pagine)
  13. Il filo della spada di Bernard Cornwell (377 pagine)
  14. Il signore della guerra di Bernard Cornwell (412 pagine)
  15. La morte dei re di Bernard Cornwell (416 pagine)
  16. Re senza dio di Bernard Cornwell (361 pagine)
  17. Il trono senza re di Bernard Cornwell (388 pagine)
  18. Anche Ally qualche volta lo fa di Jules Moulin (315 pagine) ✔︎
  19. Fuoco e carne di Prometeo. di Franco Pezzini (400 pagine)
  20. La fattoria degli animali di George Orwell (115 pagine)
  21. Fandom di Anna Day (397 pagine)
  22. Refusi: diario di un editore incorreggibile di Marco Cassini (120 pagine) ✔︎
  23. Amore, libri e piccole follie di Monica Brizzi (146 pagine) ✔︎
  24. Heir of Fury di Jina S. Bazzar (465 pagine) ✔︎

Per ora sono a 9 libri su 24! È un bel traguardo 😊 Di Questo oscuro duetto la recensione arriva la prossima settimana!

Goodreads Challenge

Sono arrivata a 52 libri giusto giusto ieri! Vero che manca ancora oggi alla conta dei giorni, ma non credo di poter aggiungere un altro libro alla lista! Direi che 17 libri al mese è una signora media (alla facciaccia del lavoro che mi tiene occupata)!

Contano le pagine, Non i libri

Per quel che invece riguarda il numero delle pagine lette ho toccato quota 17382 (in metri sarebbe due volte l’Everest!), sempre per 52 libri.

Ma ditemi: seguite qualche sfida di lettura? Tenete il conto dei volumi letti? E qual è stata la migliore lettura di questi tre mesi? Aspetto i vostri titoli!

Federica 💋

[Recensione] “Heir of Fury” di Jina S. Bazzar

Buongiorno lettori e buon lunedì!

Dopo avervi portato a conoscere il primo e il secondo volume, oggi torno a proporvi una lettura in English con il terzo e ultimo libro della serie di Jina S. Bazzar dedicata alle creature del piccolo popolo e del fantasy!

44450681. sy475 Titolo
Heir of Fury
Autore
Jina S. Bazzar
Saga
The Roxanne Fosch Files
Editore
Next Chapter
Pubblicazione
2020
Genere
Urban Fantasy, Romance
Formato

Cartaceo (14,15€) ~ Digitale (2,99€)
Pagine

465
Acquisto
Amazon

Three years has passed since Roxanne left. She’s obeyed and fulfilled Remo’s every wish.
His latest command, however, will send her back to Earth. Aware her presence Earth-side is furthering Remo’s plans, Roxanne delves into an impossible chase against time, the preternatural community, and herself.
But she might already be too late, and Roxanne experiences firsthand that when desperate people are pressed against a rock, they’re willing to commit just about anything.

Roxanne è diventata il familio di Remo Drammen, deve eseguire ogni suo ordine e ora non c’è niente e nessuno che lo possa fermare, né che metta fine al suo piano di conquistare l’universo tramite il portale che collega la sua dimensione con il resto dei mondi conosciuti.
Perché Roxanne Fosch, metà Fata (meglio Fae, per prendere in prestito il termine usato per i personaggi della Maas) e metà umana, ma anche fatta di stelle, identica quindi a Remo e Zantry Akinzo, era la sola a poter assorbire l’energia del portale e quindi a poterlo chiudere. E adesso, per lei sono passati tre anni, un periodo lunghissimo in cui il suo padrone le ha ordinato di compiere di tutto, ogni genere di azione riprovevole per portare a termine il suo piano.

There’s a vast place between black and white, good and evil. It’s a distinct line, easily recognizable. But in the vast of the gray, where the edges are often blurred, there are no lines. Good can be found in evil, the same time evil can be found in good.

Ma se per lei sono passati tre anni, nascosta nel covo di Drammen, sulla Terra il tempo è passato diversamente e quando il suo padrone le ordina di farvi ritorno, per procurargli i corpi necessari a ospitare coloro che vuole far passare attraverso il portale, Roxanne scopre che si è assentata solo tre per tre settimane, in cui Zantry, che l’ha reclamata come membro del proprio clan per non abbandonarla a se stessa, è rimasto ad aspettarla nel suo appartamento.
Rientrare però non è facile, perché tutti gli esseri soprannaturali si aspettano un resoconto, soprattutto i Cacciatori per cui lavora. Ma, per quanto sembri strano, è esattamente ciò che Remo vuole: deve raccontare ogni cosa, tranne dire loro che le ha ordinato di parlare. Tra confessioni e una fiducia davvero precaria, Roxanne deve destreggiarsi tra tutte le parti in gioco, tenendo a mente che la sua missione personale è tenere lontano dalle grinfie di Remo tutti coloro che ama, anche se sembra essere estremamente difficile.

Logan surprised me by taking a step forward, his eyes gleaming with determination.
“Mr. Drammen may have the power to force you to his will, but he can’t change who you are unless you allow him to. As long as you keep fighting for yourself, he will never truly own you.”

Con la certezza che, anche dicendo la verità, nessuno si fiderà mai di lei, Roxanne si riconferma una protagonista testarda e in gamba abbastanza per cavarsela da sola, capace di portare avanti una missione pericolosa per tenere al sicuro chi conta per lei. La bellezza del personaggio è che non ha la pretesa di fare l’eroina, anzi; potendo Roxanne sceglierebbe di scappare con chi le sta a cuore e basta, ma non lo può fare, non lei almeno, e allora le basta allontanare gli altri da Remo.
Ad affiancarla c’è Zantry Akinzo, bellissimo e altro sopravvissuto del trio di essere speciali formato da Remo, Zantry e Arianna, la madre di Roxanne, che si sente responsabile per la sua condizione di familio oltre che per la sua stessa incolumità, complici dei sentimenti che ormai non riesce più a nascondere. Né ci riesce Roxanne, soprattutto quando appare chiaro che Remo, per portare a termine il suo piano, avrà bisogno di sfruttare appieno il suo potere su Roxanne.

He was it, the dream I never knew I had, the glue to the pieces that had shattered inside me. He filled me with his love, our love, brought light to the darkest part of me, murmured words that reached into my soul, awakened what I didn’t know had been dead. I was awake, eyes open wide, yet it was like a wonderful dream, a miracle that belonged to me alone.

Heir of Fury chiude la trilogia fantasy e sci-fi con tante rivelazioni e scontri, in un susseguirsi di colpi di scena che un po’ fa perdere il filo vero della narrazione di fondo, come anche la vera natura del legame che avvicina la protagonista a Zantry già dal secondo libro.
L’universo sfaccettato creato dall’autrice a volte confonde per la sua complessità nei legami e nelle diramazioni, anche se è ciò che più mi ha affascinata nei tre libri della serie, e questo fa perdere di vista altri aspetti che, se approfonditi meglio, avrebbero potuto dare una svolta all’intera storia, come ad esempio il ruolo e le azioni di Akinzo, che più che un coprotagonista pare un po’ un contorno.

Anche questo era uno dei libri che sono stati nella mia lista To Be Read per un po’ (un 6 mesi, mai quanto quelli che sono lì da anni 😂) ed è la chiusura perfetta per questa trilogia! Una lettura che è stata una piacevole scoperta!

Qual è stato l’ultimo libro che vi ha sorpreso?

Federica 💋

[Review Party] “I sogni segreti di una gentildonna” di Karen Ranney

Buongiorno e buon venerdì!

A chiudere questa settimana, invece di una segnalazione, arriva il Review Party per l’ultima uscita di HarperCollins!

Grazie alla CE per la copia del romanzo.

I sogni segreti di una gentildonna (Highland Fling #1)Titolo
I sogni segreti di una gentildonna
Titolo originale
My Highland Rogue
Autore
Karen Ranney
Traduzione
R. Lanfredi
Serie
Danze scozzesi #1 (Highland Fling #1)
Editore
HarperCollins
Pubblicazione
Marzo 2021
Genere
Romance, storico
Formato

Cartaceo (6,90€) ~ Digitale (5,99€)
Pagine

266
Acquisto
Amazon

Un amore indissolubile dovrà affrontare l’ultimo e più temibile ostacolo per raggiungere la felicità.

Scozia-Inghilterra, 1870

Jennifer Adaire, figlia del Conte di Burfield, è sempre stata innamorata di Gordon McDonnell, figlio del giardiniere della loro tenuta, benché la differenza di condizione sociale abbia reso ogni rapporto fra loro proibito. Così, quando all’improvviso Gordon ha lasciato Adaire Hall senza una parola, ha portato con sé anche il cuore della fanciulla. Sono passati ormai cinque anni dalla loro dolorosa separazione e ora lui sta tornando in Scozia. Jennifer teme il momento in cui affronterà l’uomo che non ha mai smesso di amare, e certo non si aspetta di scoprire che qualcuno ha tramato alle loro spalle per separarli e che anche l’amore di Gordon per lei è rimasto saldo. La felicità sembra finalmente a portata di mano, ma una confessione sul letto di morte cambierà ogni cosa e distruggerà tutti i loro sogni.

Gordon McDonnel e Jennifer Adaire sono cresciuti insieme, hanno giocato e studiato insieme, senza differenze di alcun tipo. Per loro, che lei fosse una lady e lui il figlio del giardiniere non cambiava l’essenza delle loro personalità, né il loro rapporto. E non influenzava nemmeno il loro amore, la passione incrollabile che li ha uniti sempre più.
Ma per Harrison, fratello maggiore di Jennifer e conte di Burfield, e il resto del mondo, il loro rapporto non merita di esistere. Così, quando la contessa madre lascia in eredità a Gordon una grande somma di denaro, ecco che si presenta l’occasione di allontanarlo per sempre dalla giovane lady, manovrando le loro vite affinché nulla sconvolga la distinzione tra le classi cui appartengono.

Poi un uomo scese dalla vettura e il tempo si avvolse su se stesso. Lei non era di cinque anni più vecchia. Era una giovane donna con il viso arrossato dall’amore.
Il ricordo di lui le tolse quasi il respiro. Era più maturo. Le sue spalle sembravano più larghe, il torace più ampio. Pareva fosse anche cresciuto di due pollici. Era sempre stato più alto di lei, ma ora torreggiava.

Dopo cinque anni, e un cuore distrutto dal non aver mai ricevuto sue notizie, Jennifer si ritrova ad avvertire Gordon per un tragico evento: dopo sua madre, anche suo padre sta per morire ed è richiesta la sua presenza ad Adaire Hall. Consapevole che nessuno dei due è più rimasto lo stesso, la giovane lady attende con impazienza il suo ritorno, anche solo per comprendere cosa ne è stato del giovane di cui era tanto innamorata.
E lo stesso vale per Gordon, incapace di andare avanti quando la loro separazione getta ancora un’ombra sulla sua vita. Ma il ritorno in Scozia da Londra, ormai trasformato in un ricco e affermato uomo d’affari, porta Gordon e Jennifer ad affrontare una verità che sapevano essere incancellabile, dei sentimenti che ancora li guidano e che non possono ignorare.

Lui era lì. Dopo tanti anni, Gordon era tornato. Quel pensiero continuava a echeggiare nella mente di Jennifer, imbrigliava il suo pensiero, il battito del suo cuore. Lui era lì. Era diverso sì, ma era Gordon. Finalmente era tornato a casa. Lui era lì. Tuttavia non era tornato per lei.

Ma se l’amore fa presto a ritrovarsi e a riaccendersi, scacciando le bugie del passato, è anche ciò che mette in moto delle confessioni inattese e del tutto impossibili da ignorare, che mettono la parola fine a ogni speranza mai nutrita da Gordon e Jennifer.
Tra vecchi segreti portati alla luce, un incendio che ha sconvolto la vita ad Adaire Hall e un conte tanto inetto quanto bigotto, l’amore tra Jennifer e Gordon deve dimostrare di poter affrontare anche l’impossibile e una rivelazione del tutto devastante.

Se ci fosse stato qualcosa che qualcuno, chiunque, avesse potuto fare, lei sarebbe stata felice di accettare quell’aiuto. Avrebbe supplicato per averlo. Ma nulla avrebbe potuto migliorare la situazione.
Nulla.

I sogni segreti di una gentildonna, primo volume di una serie di autoconclusivi ambientata nella Scozia di tardo Ottocento, è un romance storico privo di riferimenti troppo espliciti e incentrato più sui sentimenti dei due protagonisti che su un loro tête-à-tête continuo. Con una narrazione in terza persona, focalizzata sui punti di vista di Jennifer, di Gordon e di Ellen, madrina della giovane e vero e proprio ago della bilancia in un romanzo che, insieme alla storia d’amore, pone l’accento su diverse condizioni sociali all’epoca davvero comuni ed estremamente criticate dalla morale dei benpensanti (e non) del tempo.
I sentimenti, come vi dicevo, sono il fulcro dell’interazione tra i due giovani innamorati, che si lanciano in baci mozzafiato finché la vita non li mette a dura prova.
Orgoglio e determinazione, come una grande umanità, sono le caratteristiche principali di Gordon, un aristocratico nell’animo grazie alla madre di Jennifer e anche un gentiluomo, che trova nella lady di cui è innamorato la compagna ideale.

Era stata così eccitata all’idea di andare a Londra, felice di dire a Gordon che nulla più li divideva. Ora, però, la sua assenza sembrava un’altra barriera da abbattere. Cominciava a stancarsi delle persone e delle situazioni che le impedivano di stare con l’uomo che amava. 

E insieme a lui Jennifer, che è una donna temprata da un fratello ingestibile e capace di grande coraggio, mentre il mondo attorno a lei crolla e si trasforma.
Personalmente amo molto i romance storici, di questo tipo e anche più espliciti, e lo stile di Karen Ranney è stato una scoperta davvero piacevole e intrigante, capace di trascinarmi e coinvolgermi nelle disavventure e nelle emozioni dei suoi due protagonisti!

A prendere parte a questo Review Party ci sono anche altri blog (ne trovate i nomi nel banner su in cima!) e vi invito ad andare a leggere anche le loro recensioni 😊

Che rapporto avete con i romanzi storici, romantici e non? Li leggete? Io dipende, se non c’è una storia d’amore da batticuore sono molto selettiva sulle trame!

Passate un buon weekend
Federica 💋

Storytelling Chronicles #14

Buongiorno a tutti!

Siamo già a metà settimana e torno a proporvi un racconto per la rubrica di scrittura creativa Storytelling Chronicles, ideata da Lara (La nicchia letteraria) e con grafica di Tania (My Crea Bookish Kingdom). Il terzo tema dell’anno prevedeva la presenza nel racconto di uno di questi tre elementi: un/una bambino/a, un colore a tinte pastello o un fiore!
Per stavolta mi sono lanciata su un genere che amo molto, il romance storico, e spero che la storia vi piaccia!

Marcus Haynes, decimo duca di Colton, guardò nella stanza dei bambini e tirò un lungo sospiro.
Le testoline bionde dei suoi due nipoti, un maschio e una femmina di nove e sei anni, si muovevano piano per seguire i movimenti delle mani della giovane donna che sedeva tra loro, un semplice abito da giorno viola ad avvolgerne la figura mentre lei intratteneva i bambini come aveva fatto ogni singolo giorno negli ultimi tre anni.
Tre anni da quando sua sorella e il cognato erano deceduti in un terribile incidente in carrozza. Il marchese di Brury ora sedeva sulle ginocchia davanti ai suoi occhi, in attesa che la zia al suo fianco desse a lui e alla sorella il via libera per iniziare a scoprire quante più coppie di carte possibile.
Marcus sospirò ancora e questo attirò l’attenzione di Elizabeth. La giovane alzò la testa e lo squadrò con i suoi perspicaci occhi verdi, un Vostra Grazia che brillò a mo’ di saluto in quelle distese senza fine mentre lui accennava a un fugace movimento del capo. Oltre ai suoi nipoti Thomas e Alicia, che ora si contendevano l’attenzione della ragazza, Marcus tre anni addietro era diventato il tutore legale della sorella di suo cognato, giurando così di garantire alla giovane lady un tetto sotto cui vivere e la certezza che, una volta terminato il lungo periodo di lutto, le avrebbe fornito i mezzi necessari ad affrontare una Stagione. Oltre alla dote da destinare al matrimonio.
Ma a quello ci avrebbero pensato a tempo debito.
«Non vorrei interrompervi» la voce gli uscì divertita, tanto quanto lo fu l’espressione che gli rivolse Elizabeth per la scelta delle parole, «ma mi chiedevo dove foste finiti tutti quanti.»
«Zio Marcus!» Thomas e Alicia scattarono in piedi, raggiungendolo di corsa salvo poi fermarsi a un soffio da lui per eseguire inchino e riverenza. «Quando sei arrivato?» domandò il piccolo marchese, una copia perfetta del padre.
«Giusto adesso.» Ricambiò il saluto formale e poi si abbassò su un ginocchio per abbracciare entrambi. «Un viaggio da Londra sostenuto a tempo di record, solo per vedervi.»
«Resterai con noi più a lungo, questa volta?» Alicia gli strinse le dita in una presa forte e decisa, prima di ruotare la testa verso la giovane rimasta indietro. «Zia Lizzie convincilo tu.»
Marcus osservò lady Elizabeth Whitmore avanzare verso di loro con una grazia innata, l’abito che rappresentava una vera novità dall’ultima volta in cui si erano ritrovati nella stessa stanza, mesi prima. Gli rivolse una riverenza, gli occhi che tuttavia non abbandonarono mai il suo viso per tutta la durata dell’inchino, e finì con lo schiudere le labbra in un sorriso dolce. Che rivolse ad Alicia.
«Sai bene che Sua Grazia è molto impegnato, tesoro» bloccò la protesta della piccola con una carezza sul suo viso. «Ma noi gli siamo grati per tutto il tempo che riesce a dedicarci. Non è così?»
«E io faccio di tutto per essere qui con voi, per quanto più mi è possibile.»
Lizzie osservò i nipoti trascinare quell’uomo grande e spesso troppo serio accanto al tavolo dove avevano disposto le carte. Il duca tornava di frequente in campagna a trovarli, il loro unico contatto con il mondo esterno mentre vivevano le diverse fasi del lutto e imparavano a convivere con la loro nuova responsabilità.
Ancora non credeva che suo fratello Alec non ci fosse più. Né che il sorriso amorevole di sua cognata si sarebbe spento tanto presto. Tre anni addietro aveva perso entrambi, così come li avevano persi il duca e i due bambini, che ora dipendevano dalle cure dello zio e dalle sue per volontà dei loro genitori.
In quei tre anni lei e Sua Grazia si erano conosciuti davvero; in passato, aveva incontrato spesso Marcus Haynes, complice prima la sua amicizia con suo fratello Alec e poi l’avere Daisy Haynes per cognata, ma la differenza d’età di diversi anni non li aveva mai fatti avvicinare. Ci era riuscita la tutela condivisa dei loro nipoti Thomas e Alicia nella più tragica delle circostanze.
Perciò, quando il suo sguardo si posò sulla sua figura aristocratica, il peso degli ultimi anni e dei loro cambiamenti le si assestò sulle spalle. Vivere lì, con i bambini, la duchessa madre e i suoi discorsi sul futuro, le aveva aperto gli occhi su ciò che l’attendeva. Su di lei gravavano delle aspettative, molto più pressanti di quelle legate al ducato di Colton, ed era giunto il tempo di prenderle sul serio in considerazione.

«Quindi, di cosa volevate parlarmi?»
Lizzie studiò il volto austero del duca, i tratti decisi resi affilata dalla chioma dorata, e sentì il coraggio scivolarle tra le dita.
Il pomeriggio e la cena con i bambini al loro stesso tavolo, impossibile in città, era stata un tripudio di racconti e risate. Thomas pendeva dalle labbra dello zio e cercava in ogni modo la sua approvazione, mentre Alicia ricordava sua madre ogni giorno di più, stregando tutti con la sua dolcezza. Quel pasto si era rivelato il più divertente degli ultimi tempi. Poi aveva chiesto a Colton di potergli parlare, dopo aver aiutato la governante a mettere a letto i bambini, e lui le aveva suggerito di raggiungerlo in biblioteca.
Soltanto che, ora che si trovavano faccia a faccia, faticava a esporsi.
Si sistemò sulla poltrona davanti a lui e ascoltò l’orologio sopra il camino segnare lo scorrere inesorabile dei secondi in cui lei taceva. Aveva preparato un discorso, ero giunto il momento ormai, e tuttavia non riusciva a convincersi a parlare. Tutto perché Marcus Haynes, duca di Colton, la guardava con quei suoi occhi tanto azzurri da sembrare di vetro, così cristallini da ricordarle le distese del lago in Francia dove lei e suo fratello nuotavano da bambini.
Tempi e una persona che non sarebbero tornati mai più.
«Elizabeth?» Al suono del suo nome, un sussurro velato di incertezza e preoccupazione, Lizzie si riscosse e batté le palpebre. Il duca la teneva d’occhio come un falco, determinato e certo che presto le sarebbe accaduto qualcosa perché era pallida come un cencio. «Vi sentite bene?»
«Sì, Vostra Grazia. Io…» esitò, insicura su come dovesse affrontare l’argomento. Di pancia, Lizzie, sempre di pancia. O così soleva ricordarle Alec quando la spronava a prendere il proprio posto nel mondo. «Io credo sia giunta l’ora.»
La sua affermazione ferrea lasciò Marcus di stucco. «L’ora?»
«Sì, è ora.» Annuì soddisfatta e poi fissò lo sguardo sull’uomo che avrebbe fatto le veci di suo fratello da qual momento in avanti. «Tre mesi fa ho terminato il periodo del mezzo lutto e anche se il ton sarebbe entusiasta di vedermi portare crinoline e merletti neri ancora per un po’, ormai ho ventitré anni. Devo trovare un marito, Vostra Grazia. È giunta l’ora che mi sposi.»
Marcus faticò a reggere il senso di quelle parole. «Sposarvi?» ripeté e si accorse di averlo già fatto anche in precedenza, sentendosi un allocco per quel suo non saper trovare un modo meno umiliante di esprimere il proprio sconcerto. Si schiarì la voce e osservò la giovane seduta con la schiena dritta, i capelli castani acconciati in morbide onde che sfuggivano alle forcine. «Elizabeth non dovete avere fretta.»
Lei scosse la testa e rise. «Con tutto il rispetto, Vostra Grazia…»
«Marcus.»
«Come, prego?»
Un stiletto infilzato nello stinco gli avrebbe causato meno dolore del suo tono incredulo. «Elizabeth, ero amico di vostro fratello e vi conosco da anni. Potete anche chiamarmi Marcus.» E che lo facesse se dovevano affrontare il discorso sul suo possibile matrimonio gli sembrò di vitale importanza.
«Marcus» concesse con un cenno del capo e lui sentì una corda vibrargli nel petto. «Con tutto il rispetto, ma voi siete un uomo, un duca per giunta, e non mi aspetto che capiate le mie esigenze.»
«Le vostre… esigenze?» Buon Dio, quella conversazione avrebbe potuto metterlo ancor più in ridicolo di così? E cos’era quella novità di cui parlava?
«Esigenze, sì. Sono una donna nubile di ventitré anni, abito nelle vostra dimora e approfitto della vostra gen…» Lui provò a protestare ma lei lo bloccò con un cenno secco della mano. «Approfitto della vostra generosità e di quella di vostra madre da tre anni ormai. La società si aspetta che, ora che il lutto è terminato, rientri in città e inizi a guardarmi attorno alla ricerca di un buon partito.»
«Primo» Marcus la inchiodò con lo sguardo per essere certo che comprendesse. «Voi non vi state affatto approfittando di noi. Alec e Daisy hanno nominato entrambi per la cura dei loro bambini e vostro fratello vi ha affidato alla mia tutela legale per darvi la sicurezza di poter agire sempre secondo il vostro giudizio e utilizzare i soldi a voi destinati come più ritenete opportuno.»
Aveva mantenuto la promessa fatta al cognato, offrendole un tetto a Haynes Manor solo perché così lei, i nipoti e l’anziana madre avrebbero goduto dei reciproci supporto e compagnia. E perché sperava che la sua presenza alleviasse il peso di un’assenza comunque sentita.
«Secondo» proseguì e addolcì voce e sguardo, «mia madre sarebbe lieta di confermare che avervi qui con lei è fonte solo di gioia e di nessun tipo di incomodo. Terzo, per quanto vi riguarda, le aspettative della società e del ton devono essere il vostro ultimo pensiero, Elizabeth.»
Lei intrecciò le dita in grembo, mascherando una smorfia con un sospiro. «No, purtroppo, ma capisco che voi, come duca, non condividiate la pressione cui sono sottoposta. Non ho mai avuto una Stagione, Marcus. Dopo il mio debutto, ho portato il lutto per mio padre e, a un mese dal termine, l’ho indossato per mio fratello e sua moglie. Ho quasi l’età di una zitella e devo trovare marito. Devo.»
«Ma perché?»
Perché non posso restare in questa casa un giorno di più. Ma questo Lizzie non poteva confessarlo ad alta voce, soprattutto non davanti allo sguardo sincero con cui Marcus cercava di comprendere le sue motivazioni. Il viso del duca le ricordava che lì era un’ospite, gradita certo, ma pur sempre ospite, che tutto ciò che restava della sua famiglia era una madre oltremanica e dei parenti di cui non ricordava il nome.
«Voglio uno scopo, una casa da gestire e da riempire di vita.»
«Fatelo qui» le suggerì e sorrise come se avesse risolto il problema. «Mia madre apprezzerà di certo un po’ di riposo. E voi avrete l’ultima decisione su tutto quel che riguarda la vita di tutti i giorni.»
Se non fosse stata decisa ad averla vinta, avrebbe alzato gli occhi al cielo e avrebbe lasciato cadere il discorso. «Voglio una casa mia, Marcus, non che mi venga concessa.» Senza contare che, non appena avesse deciso lui di cercar moglie, la sua presenza sarebbe divenuta ingombrante, anche se nella tenuta di campagna.
«E i bambini? Li lascerete qui e sentiranno la vostra mancanza.»
Il cuore di Lizzie tremò. Sì, lì aveva i suoi nipoti, ma presto anche quello le sarebbe stato portato via. «Thomas andrà a scuola, il prossimo anno, e Alicia ha bisogno di un’istitutrice che l’aiuti meglio di quanto io non possa fare. Come sapete, ho ricevuto un’educazione… particolare.»
Marcus si aprì a un sorriso. «I bambini mi hanno spiegato il gioco con le carte da accoppiare. E quello con i tasselli di legno e gli incastri.»
«Memoria e logica. Mia madre crede siano abilità ben più utili del saper cucire e cantare.» Ma pessime per trovare marito. Lizzie serrò le dita e raddrizzò la schiena. L’avrebbe avuta vinta. «Devo sposarmi, Marcus. Ho atteso fin troppo.» E non avrebbe lasciato passare altro tempo.

«Cos’ha detto zia Lizzie, che vuole sposarsi?» Thomas venne zittito dalla sorella mentre entrambi spiavano gli zii dalla porta socchiusa della biblioteca. «E con chi?»
«Ssh!» intimò Alicia, salvo poi guardarlo come se fosse un povero sciocco. Ah, i maschi. «Ma con un gentiluomo, no? Un principe azzurro che la ama alla follia.»
«Io non conosco nessun principe. E nemmeno zio Marcus.» Come se solo nominandolo avesse evocato un eroe, il viso di Thomas si accese. «Lo zio è un duca. Vedrai, lui la terrà lontana da certi strani principi.»
Sua sorella lo osservò poco convinta. «Se zia Lizzie ha deciso di sposarsi, lo farà. Ma poi non vivrà più con noi.»
«Perché?»
Alicia sbuffò. «Perché avrà una casa tutta sua, un marito e dei bambini di cui occuparsi.»
Gli adulti che li accudivano nel frattempo si osservavano in silenzio, ognuno troppo certo che l’altro non comprendesse l’importanza dell’attesa e del tempo sprecato quando si trattava di un affare importante come il matrimonio. Thomas era convinto che a tutto potesse esserci una soluzione molto semplice, una che avrebbe concesso a sua zia di sposarsi e di restare con loro. Osservò quei volti seri e poi sfiorò la spalla della sorella. «E se zio Marcus la sposasse?»
Alicia arricciò il nasino, ma dall’alto dei suoi sei anni lasciò che quell’idea si allargasse tra i suoi pensieri e le diede una possibilità di mostrarle come sarebbe stata la loro vita se i loro zii si fossero sposati. Un timido sorriso le affiorò alle labbra, si espanse agli occhi e lo indirizzò alla scena oltre la soglia.
«Sono convinto che non dobbiate avere fretta» sentì Marcus dire, gli occhi ridotti a fessure che non si staccavano dalla ragazza davanti a sé. «Siete giovane, Elizabeth.»
«Non abbastanza» si impuntò lei, le braccia serrate al petto. «Quando tornerete a Londra, verrò con voi. Avrò la mia Stagione, Marcus, che siate d’accordo o meno.»
«Molto bene. Ma mia madre e i bambini ci accompagneranno» borbottò. «Voi avete bisogno di una chaperon ed è ora che anche Thomas e Alicia conoscano la vita della Capitale.»
Fratello e sorella si guardarono e a un cenno d’intesa sgattaiolarono di nuovo di sopra, verso le camere da letto. Presto sarebbero tutti partiti per Londra e avevano un piano da organizzare se volevano realizzare il loro obiettivo.

Spero che questo mio nuovo esperimento vi sia piaciuto (mi sa che torneranno, prima o poi) e vi aspetto nei commenti per sentire la vostra opinione ❤︎

Federica 💋