Roaring Twenties tra Aprile e Giugno!

Buongiorno e buon mercoledì!

Oggi si chiude giugno, siamo al giro di boa di quest’anno e com’è mia abitudine, vi propongo un riepilogo delle mie migliori letture degli ultimi tre mesi!

39669821. sy475 57979113. sx318 58126873. sy475 58126900. sy475 54541829. sy475 52166002. sx318 20631176 55373949. sx318 55197060. sy475

Le recensioni

Questo oscuro duetto ~ Voglio solo te ~ Nettlesfield
Un cucchiaio intagliato
 ~ Tenebre e ossa ~ Serpent & Dove
Seduzione deliziosa
 ~ WarriorIl duca e io 

My Libera Lo Scaffale

  1. L’Impero delle Tempeste di Sarah J. Maas (688 pagine) ✔︎
  2. La Torre dell’Alba di Sarah J. Maas (672 pagine) ✔︎
  3. La Corte di Ali e Rovina di Sarah J. Maas (679 pagine) ✔︎
  4. Il mare senza stelle di Erin Morgenstern (618 pagine)
  5. Seduzione Deliziosa di Tara Sivec (290 pagine) ✔︎
  6. Intrigo delizioso di Tara Sivec (234 pagine) 
  7. Legend di V. E. Schwab (512 pagine) ✔︎
  8. Dark di V. E. Schwab (611 pagine) ✔︎
  9. Questo oscuro duetto di V. Schwab (400 pagine) ✔︎
  10. L’ultimo re di Bernard Cornwell (406 pagine)
  11. Un cavaliere e il suo re di Bernard Cornwell (428 pagine)
  12. I re del nord di Bernard Cornwell (370 pagine)
  13. Il filo della spada di Bernard Cornwell (377 pagine)
  14. Il signore della guerra di Bernard Cornwell (412 pagine)
  15. La morte dei re di Bernard Cornwell (416 pagine)
  16. Re senza dio di Bernard Cornwell (361 pagine)
  17. Il trono senza re di Bernard Cornwell (388 pagine)
  18. Anche Ally qualche volta lo fa di Jules Moulin (315 pagine) ✔︎
  19. Fuoco e carne di Prometeo. di Franco Pezzini (400 pagine)
  20. La fattoria degli animali di George Orwell (115 pagine) ✔︎
  21. Fandom di Anna Day (397 pagine) => Prossima lettura
  22. Refusi: diario di un editore incorreggibile di Marco Cassini (120 pagine) ✔︎
  23. Amore, libri e piccole follie di Monica Brizzi (146 pagine) ✔︎
  24. Heir of Fury di Jina S. Bazzar (465 pagine) ✔︎

Per ora sono a 11 libri su 24! Quasi la metà esatta! 😊 Però di Fandom ne parliamo tra un paio di settimane!

Goodreads Challenge

Sono arrivata a 98 libri! Nel corso dell’anno vorrei arrivare a 135, il mio obiettivo, così da snellire la lista degli arretrati… E fare spazio ai nuovi arrivi 😂 Ce la farò!

Contano le pagine, Non i libri

Per quel che invece riguarda il numero delle pagine lette ho toccato quota 29323, sempre per 98 libri.

Ma ditemi: partecipate a sfida di lettura o a gruppi di lettura? E qual è stata la migliore lettura di questi tre mesi? Aspetto i vostri titoli!

Federica 💋

[Recensione] “La fattoria degli animali” di George Orwell

Buongiorno e buon inizio settimana 😊

Oggi è un grande giorno di ripartenze e si spera non si chiuda più! Ma è anche il giorno in cui vi propongo la recensione di un grande classico che, stranamente, ancora non avevo letto!

49132192. sy475 Titolo
La fattoria degli animali
Titolo originale
Animal Farm
Autore
George Orwell
Traduzione
M. Mari
Editore
Mondadori
Collana
Oscar Cult
Pubblicazione
Novembre 2019 (1945)
Genere
Narrativa
Formato

Cartaceo (6,65€) ~ Digitale (0,99€)
Pagine

113
Acquisto
Sito editore

Gli animali di una fattoria, stanchi dei continui soprusi degli esseri umani, decidono di ribellarsi e, dopo avere cacciato il proprietario, tentano di creare un nuovo ordine fondato su un concetto utopistico di uguaglianza….

Nella fattoria padronale, il vecchio Maggiore ha fatto un sogno e prima di morire ha deciso di condividerlo con tutti gli altri animali, lui che, dall’alto della propria saggezza, sa riconoscere i segnali e il loro significato più importante.
E il sogno ha predetto un cambiamento epocale: arriverà il giorno in cui saranno gli animali a governare la fattoria e loro stessi; il giogo dell’uomo, del padrone su due zampe, sarà spezzato e tutti gli animali saranno davvero uguali. 

Il vecchio Maggiore (come veniva abitualmente chiamato, anche se il nome con cui aveva partecipato ai concorsi era La Beltà di Willingdon) godeva di una reputazione così alta nella fattoria, che pur di ascoltare cos’aveva da dire chiunque era pronto a perdere un’ora di sonno.

Morto il Maggiore l’aria di cambiamento imperversa nella fattoria e tutti gli animali, guidati dai tre intrepidi compagni maiali ed eredi della corrente di pensiero del Maggiore, attuano la rivoluzione contro il potere del padrone umano e, al grido di sette regole e di un canto di liberazione, assumono il controllo di ciò per cui prima venivano solo sfruttati. Lavoro e prodotto ora appartengono a tutti e tutti ne usufruiscono in egual misura… Be’, all’incirca, perché ai maiali, gruppo colto e in grado di leggere e scrivere, è dovuto qualcosina in più. In fondo, si impegnano tanto per portare avanti il sogno (divenuto realtà) della Fattoria degli Animali.
Scritto negli ultimi anni di guerra e pubblicato subito dopo la sua fine, La fattoria degli animali (Animal Farm in originale) è un’analisi critica e lucida del socialismo russo, dalla sua origine al declino che Orwell vedeva nella gestione di Stalin in quegli anni. Tradotti in diverse classi di animali, le figure del socialismo vengono illustrate tra pregi e difetti, in una satira che raccoglie gli eventi più significativi della storia del movimento socio-culturale e politico e li trasforma in guerre e rivolte animalesche, senza per questo snaturarne il valore e la portata.

Che fare, allora? Ecco: lavorare giorno e notte, anima e corpo, per abbattere la razza umana! È questo il mio messaggio per voi, compagni: Rivoluzione!

Lo stile di Orwell non è leggero, né lo è l’argomento che affronta in poco più di cento pagine, e a volte la lettura scorre lenta. Si fa fatica a cogliere tutti i riferimenti storici e culturali, li si riesce a comprendere solo dopo aver messo in pausa la lettura e averli cercati, arrivando ad avere un’idea della portata della critica che Orwell muove solo in seguito.
È un romanzo breve, quasi una favola con un messaggio nascosto, che però richiede tempo, sia pre essere letto, sia per essere apprezzato fino in fondo. Una lettura forse non per tutti, ma un’allegoria di un intero sistema di valori, nato nel segno dell’uguaglianza tra tutti e giunto all’uguaglianza con il precedente potere.

Devo dire di essere rimasta molto sorpresa da questa lettura, soprattutto considerato quanto è stata scritta! Voi lo avete letto? Quali Classici ancora non avete affrontato? Il mio, uno tra i tanti, è Anna Karenina!

Passate una buona giornata
Federica 💋