[Segnalazione] “Storia di un numero” di Davide Rossi

Buongiorno lettori!

Per chiudere la settimana vi propongo l’attualissimo romanzo di Davide Rossi, edito da Rossini Editore.

Titolo
Storia di un numero
Autore
Davide Rossi
Editore
Rossini Editore
Pubblicazione
Gennaio 2021
Genere
Narrativa
Formato

Cartaceo (13,29€)
Pagine

219
Acquisto
Amazon

Un numero non è fine a se stesso: ha un’esistenza, una storia, un inizio e una fine. Un numero può essere umano, vivere e morire. In una contemporaneità corrosa dalla malavita e dall’opportunismo, Kenny nasce in un piccolo stato africano, flagellato dalla povertà, messo in ginocchio dalla corruzione, dimenticato e disprezzato dagli stessi esseri viventi. Condizioni disperate per chiunque abbia un minimo di misericordia per se stesso, difficilmente sopportabile per la sua natura estrema che si impone nella quotidianità sugli esseri viventi. La sua infanzia la trascorre a osservare il mondo che gli ruota intorno, che ansima, grida, muore, violento e insensato. Lui scruta, annota, studia e prova a conformarsi, ad adeguarsi alla realtà, che cruda e violenta si manifesta, investendolo senza freni: la sparizione del padre, il trasloco in un’altra zona, la morte della adorata zia, la presunta anormalità. A confortarlo e a salvarlo dalla solitudine c’è lo studio, i pensieri, vivaci e senza limiti, la curiosità verso l’ignoto e la natura. Camaleonte decide di adattarsi, di vivere secondo i canoni imposti senza rischiare, coltivando un’irrazionale voglia di responsabilità. Ciò non lo salva dai suoi simili, spietati e potenti, che lo costringono a scappare via dalla sua terra, verso un ignoto chiamato Europa. Un viaggio lungo e pericoloso, attraverso posti incantevoli abitati da personaggi senza scrupoli, poveri diavoli, disperati, dalla sopravvivenza e dalla morte. Storie di tanti numeri uniti nella speranza di una resurrezione e dall’infame destino di rappresentare solo delle anonime cifre. Un percorso lungo, attraverso deserto e mare, prigionia e amore, fra carcasse umane e di civiltà.

L’estratto

I bambini erano i più luminosi, gaudenti, divertiti dall’altezza e dal panorama, richiamati in continuazione dalle madri, che li spronavano ad assolvere i loro compiti di angeli custodi. Gli uomini, vigorosi e imponenti, forti, quasi accecanti, a riempire la volta con la loro forza. Le donne, infine, bellissime, maestose, suadenti, ci ammagliavano con la loro bellezza.
Mi addormentai, pensando alla vita. Volai fuori dall’abitacolo e arrivai fino in cielo. Tutto intorno a me c’erano uomini, donne, bambini. Mi osservavano serenamente, fermi, immobili. «Quanti siete?» chiesi alla moltitudine che mi circondava. « Tanti… » mi risposero all’unisono.

L’autore

Davide Rossi è nato il 18/01/1985 ed è cresciuto in un piccolo paese della provincia di Pavia, Sant’Angelo Lomellina.
Nonostante gli studi di natura prettamente scientifica, continua a coltivare due grandi passioni che lo accompagnano fin dalla tenera età: il cinema e la scrittura. La stesura di varie sceneggiature rappresenta dunque un’evoluzione naturale e una di queste, scritta a sei mani, porta alla realizzazione del film “Benvenuti a casa Verdi” del 2013 (Muccapazza film).
Parallelamente all’esperienza cinematografica inizia una fase di sperimentazione che l’ha portato a partecipare a diversi concorsi letterari con racconti brevi, poesie e saggi.
“E alla fine c’è la vita” nasce in seguito, e dall’unione, di tutti questi percorsi. Pubblicato con Apollo Editore nel maggio del 2018, il romanzo riscuote un discreto successo presso critica e pubblico, consentendo all’autore di presentarsi a un vasto pubblico di lettori attraverso un tour di presentazioni che ha superato le dieci date.  Parallelamente a questo progetto, e a esso collegato, l’autore ha redatto un manuale di scrittura creativa, “E alla fine c’è la scrittura”, che ha avuto il suo culmine con il corso presso l’associazione “Il cielo capovolto” di Torino.

Contatti

Email

Un libro con una storia davvero, e purtroppo sempre, attuale!

Fatemi sapere se vi intriga!

Federica 💋

Storytelling Chronicles #17

Buongiorno e buon martedì!

Questo mese sono riuscita a preparare presto il mio racconto per la Storytelling Chronicles, la rubrica di scrittura creativa ideata da Lara, blogger di La Nicchia Letteraria, e grafica di Tania di My Crea Bookish Kingdom. Per giugno le storie devono contenere tre elementi, uno principale e due secondari: i libri sono appunto il fulcro delle storie, mentre la mamma e il lavoro sono il contorno, anche se tutti e tre potevano essere gestiti come più ci piaceva, senza limiti all’immaginazione.

Ebbene, visto che ad aprile ho lasciato Marcus ed Elizabeth in biblioteca, interrompendo la loro storia sul più bello (trovate i capitoli che li riguardano qui e qui), sono stati loro a farsi avanti e a farsi di nuovo protagonisti del racconto. Con la storia di oggi, se grazie a questi due personaggi mi sono lanciata nel romance storico, segno un’altra novità nel mio stile di scrittura, perché il serio e compassato duca di Colton mi ha permesso di spingermi un po’ fuori dalla mia comfort zone per quanto riguarda la passione e il desiderio.

Ok, non aggiungo altro! Vi lascio leggere 😊

Elizabeth si sfiorò le labbra con il polpastrello, lo sguardo perso e distratto mentre la duchessa madre di Colton seguiva lei e i nipoti tra gli scaffali della libreria. Avevano deciso di recarvisi quella mattina, per mostrare a Thomas e Alicia un angolo di Londra che lei amava molto.
I bambini avevano esultato all’idea della piccola gita per le strade affollate della città, allettati dalla prospettiva di poter entrambi scegliere un libro da acquistare alla fine delle loro commissioni. E lì erano giunti tutti e quattro dopo aver raccontato ai nipoti quante meraviglie si erano persi mentre vivevano nel loro sicuro rifugio di campagna. Lizzie non visitava quel negozio da ben sei anni, eppure appena vi aveva messo piede l’odore di carta e pelle e inchiostro l’aveva travolta, riportando a galla attimi cari al suo cuore. Se solo fossero bastati quei ricordi e quei profumi a calmare i suoi pensieri sconvolti ed erranti.
«Daisy avrebbe adorato venire qui» commentò la duchessa e quelle parole riportarono Lizzie a concentrarsi, a osservare il volto meravigliato della donna che le aveva fatto da madre in quei tre anni mentre ella studiava gli scaffali straripanti di volumi. «Non che l’abbia mai incoraggiata a leggere più di quanto fosse necessario, ma ha sempre avuto una predisposizione per la letteratura. Amava i romanzi.»
«Lo ricordo.» Elizabeth sospirò e sorrise quando il suo sguardo corse a Thomas e al modo dolce in cui mostrava alla sorella un libro pieno di immagini strabilianti. Anche quei bambini adoravano leggere. «Cosa avete trovato?»
La domanda fece sollevare le testoline dai riccioli biondi dei suoi nipoti, le espressioni traboccanti di eccitazione quando entrambi mostrarono alla zia e alla nonna un piccolo libro di avventure.
«Parla di pirati!» esclamò Thomas, nell’istante esatto in cui Alicia puntò l’indice sulla pagina e disse: «Guarda, zia Lizzie, una principessa».
Elizabeth sorrise ma fu Lady Haynes a chiedere ai due piccoli di mostrarle il piccolo volume. L’intervento della donna la lasciò libera di girovagare tra gli alti scaffali, una mano poggiata al petto, l’altra intenta a sfiorare distratta i dorsi di quegli immensi scrigni di meraviglie chiamati libri. Era uscita dalla casa di città del duca di Colton convinta che passare del tempo in libreria avrebbe riaggiustato i meccanismi inceppati della propria esistenza, tuttavia non era ancora riuscita a liberarsi della curiosa oppressione al petto che la tormentava dalla notte precedente. Da quando aveva baciato Marcus, subito dopo aver giurato a se stessa di non chiedere nulla di tanto avventato a nessun gentiluomo del ton. Ma lei non aveva chiesto, no, aveva preso in mano la situazione da sé.
Aveva cercato di accantonare il ricordo di quella notte, ma nulla era valso a superare la sfida. Sfida, pensò tra sé, rimproverandosi subito dopo. Non avrei dovuto raccogliere la sua sfida.

Due erano le cose che Elizabeth sapeva con certezza: la prima era che il brandy aveva un sapore diverso se assaggiato sulle labbra di un’altra persona; mentre la seconda, e la più sconvolgente, era che Marcus non stava reagendo.
Se ne stava immobile, la bocca ridotta a una linea sottile e ferma, mentre lei si poggiava a lui per capire cosa intendesse sua madre nell’affermare che: «Un bacio sconvolge la vita, ma belle. L’uomo giusto sa smuovere l’universo con un solo bacio». Ma non stava funzionando. Non aveva perso cognizione di dove si trovasse, né della totale mancanza di partecipazione di Marcus. Anzi, in qualche modo era più conscia della propria presenza nella biblioteca di casa, del calore del fuoco che le scaldava il fianco attraverso le vesti sottili. Registrava ogni dettaglio, dallo scoppiettio del legno nel focolare al respiro accennato del duca che le sfiorava la guancia; dal velo di barba pungente che le solleticò i polpastrelli quando gli sfiorò il mento alla morbidezza del labbro inferiore quando aumentò la pressione della propria bocca. Non era mai stata tanto consapevole del proprio corpo come in quell’istante, quando una scarica di un’emozione sconosciuta la attraversò e finì per aggrovigliarle lo stomaco.
Frustrazione, ecco cosa avvertì.
Si tirò indietro, i capelli che le scivolarono lungo le spalle a qual movimento e avvolsero entrambi in una cortina. Guardò Marcus e si sorprese di trovarlo con le palpebre serrate, gli occhi chiusi con forza come se fosse preda di una prova tremenda in modo indicibile. Lizzie tenne le dita contro la sua mascella, osservando il duca accovacciato davanti a lei e studiandone il fisico. Aveva mai notato quanto fosse alto? Sì, certo, ma perché ora vedeva il suo aspetto in modo tanto diverso? Si chiese se avesse sempre avuto le spalle ampie, un petto abbastanza largo da accoglierla in un abbraccio in cui potersi perdere e gambe allenate e forti come quelle che i pantaloni da sera mettevano in evidenza. Da quando immaginava di passare le dita tra i suoi capelli per scoprire se fossero folti e morbidi come sembravano alla vista? E perché le importava sapere quanto diventassero lisce le sue guance dopo la rasatura del mattino?
Sbuffò, spazientita e resa nervosa dalla tensione che le serrava il ventre, poi appoggiò la fronte contro quella di Marcus e quasi esultò tra sé quando vide il duca compito sussultare.
«Non mi sei di aiuto, Vostra Grazia» si lamentò, parlando quasi tra sé e sé, mentre il palmo si accoccolò attorno al profilo del suo viso serio. «Non funziona affatto.»

Marcus si sarebbe messo a ridere, se solo non fosse stato troppo concentrato per cercare di restare immobile, di mantenere il respiro regolare e lento, quando i suoi polmoni avrebbero di certo preferito intraprendere una marcia degna di una locomotiva. Ma non poteva permettersi dei respiri profondi, avrebbe percepito di nuovo il profumo di Elizabeth e allora non sapeva cosa sarebbe accaduto, né quanto pericolosa sarebbe diventata quella chiacchierata notturna.
Chi voleva raggirare? Avevano già oltrepassato il segnale di pericolo, già abbandonato i presupposti di una conversazione civile nell’istante in cui lui era entrato nella biblioteca e aveva deciso di restarvi, fin troppo cosciente del suo abbigliamento del tutto sconveniente e del desiderio di parlare con lei finché avesse potuto. Se fosse dipeso da lui, sarebbero andati avanti fino al tramontare delle stelle, richiamati a conformarsi ai dettami della società dal sorgere implacabile del sole.
E Marcus non aveva mai detestato nessun astro come si ritrovò a fare in quel preciso momento.
Inspirò piano, dando a se stesso dello sciocco e dell’avventato per quel pensiero, mentre cercava di ignorare l’acuta consapevolezza del corpo di Elizabeth davanti a sé, la fronte della giovane poggiata contro la propria che poneva un nuovo punto di equilibrio per il suo intero essere. Era una lady, buon Dio, e la sorella di suo cognato! La conosceva da anni, e niente avrebbe dovuto più sorprenderlo in lei. Eppure teneva le palpebre chiuse con ostinazione, perché altrimenti sapeva chi avrebbero incrociato i suoi occhi.
Non Lady Whitmore, né tantomeno la giovane Lizzie, la sorellina dalle lunghe trecce di Alec. Davanti a sé non avrebbe trovato alcuna versione fino ad allora incontrata, ma una donna nuova, una dalle idee confuse su come cercare marito e dall’indole decisa, capace di sorprendere anche lui con la propria determinazione.
Poi Elizabeth mormorò qualcosa che non sarebbe mai riuscito a sentire se non si fosse trovato a un soffio dal suo viso, un commento caustico sul non averla assecondata e un “Vostra Grazia” del tutto sarcastico. Marcus avrebbe voluto aprire gli occhi e sorriderle, ma lei lo anticipò poggiandogli il palmo sulla guancia e ogni sua intenzione fu assorbita da quel gesto semplice e tuttavia sconveniente. Un gesto che gli seccò la gola, il petto che si contrasse quando la sentì parlare di nuovo.
«Cosa non funziona?» le domandò, pentito di averlo fatto nello stesso secondo in cui si accorse di come i loro respiri si mescolassero.
«Questo.» Gli sfiorò il labbro superiore con il pollice e Marcus fu tentato di morderlo. Fu solo un caso se riuscì a resistere. «Un bacio non funziona se lo si fa da soli. Come posso capire se provo qualcosa quando mi ritrovo davanti una… una… statua fredda come il marmo. Non sei stato più utile di Henry.»
A quel commento la rabbia gli montò nelle vene. Come poteva anche solo nominarlo nella stessa frase con Crosswell? Lo aveva chiamato per nome, come se fossero intimi, vecchie conoscenze e lo erano, ma non esisteva il minimo paragone tra loro. Non nel rango, né nel comportamento e neppure nel legame che condivideva con Elizabeth, perché Marcus poteva contare su qualcosa di ben più profondo di un’amicizia relegata all’infanzia e una scialba promessa di matrimonio; li avevano avvicinati Thomas e Alicia, ma se non avesse trovato stimolante e interessante la compagnia di Elizabeth non sarebbero mai giunti a trascorrere il tempo insieme come avevano fatto anche quella sera.
Lui non era un bigotto secondogenito pronto a criticare una lady qualora ne avesse avuto l’occasione. Era un gentiluomo ben più educato e spalancò gli occhi con l’intenzione di farle cambiare idea. Fu nell’incrociare il divertimento, mescolato a una punta di malizia, che traboccava dalle iridi verdi della giovane che comprese. Lo aveva stuzzicato di proposito, per fargli sollevare le palpebre e guardarla.
«Astuta, Elizabeth» disse, mal celando la soddisfazione di saperla interessata a lui tanto da spingerlo a una reazione. «Ma non credo di capire perché ti infastidisce. Sei tu ad aver detto di volerlo fare, e da gentiluomo ho pensato di non interferire con il tuo… esperimento.»
Marcus ringraziò le generazioni di contegno ducale che gli erano state instillate a forza nell’animo. Fu solo grazie ai suoi antenati se mantenne un tono neutrale per tutto il tempo. Tranne alla fine. Già, perché quell’ultima parola gli graffiò la gola nell’uscire, accompagnata da un piccolo suono che avrebbe di certo definito un ringhio se fosse stato più realista nei confronti di quel fuoco che gli divorava l’animo.
«Un vero gentiluomo, Marcus, non ho alcun dubbio.» Elizabeth staccò la mano dal suo viso e la abbassò sul proprio grembo. Poi la giovane raddrizzò la schiena, staccandosi da lui e lasciandolo interdetto davanti alla forza con cui lo colpì quella distanza.
Tutto in lei lo rendeva vigile, attento a tutto ciò che la riguardava. Se avesse tenuto gli occhi chiusi, se solo avesse dimostrato più volontà, non avrebbe visto il rossore che le colorava la pelle pallida della gola e delle gote, né si sarebbe accorto di come i pugni serrati di Elizabeth tirassero la stoffa della vestaglia e mettessero in evidenza le forme di un corpo che ora non poteva evitare di considerare con più attenzione. Come la curva del seno.
Sollevò lo sguardo, furioso verso i suoi stessi pensieri sconvenienti e irrispettosi, e si sforzò di ascoltare ciò che stava dicendo.
«… anche se non mi hai ricambiata, suppongo di aver comunque compreso qualcosa.»
«Cosa hai imparato?» mormorò, una mano serrata attorno al gomito di Elizabeth per impedirle di accrescere lo spazio tra loro più di quanto non avesse fatto. E una scusa per non fare nient’altro di avventato.
Elizabeth arrossì, ma non distolse gli occhi dai suoi quando parlò. «È evidente che non siamo una coppia affine.» L’imbarazzo la portò ad abbassare la voce. «Almeno non dal punto di vista fisico.»
A quella parola, quel fisico appena sussurrato, la sua mente deragliò verso immagini del tutto inopportune. Vide se stesso protendersi in avanti, le mani serrate sui braccioli della poltrona per bloccare Elizabeth tra le sue braccia e impedirle ogni via di fuga. Le avrebbe concesso il tempo di capire cosa sarebbe accaduto, un’ultima possibilità di respingerlo, prima di avventarsi sulle sue labbra e dimostrare cosa accadeva quando un bacio veniva ricambiato.
«È evidente?» le domandò, mentre si rendeva conto di aver preso ad accarezzarle l’incavo del gomito con il pollice.
Lei annuì, la testa che scattò su e giù con una leggera esitazione, il respiro trattenuto per un istante e che poi si fece corto. No, tra loro non esisteva affatto alcuna affinità fisica. Era quella la ragione per cui Elizabeth a stento inspirava e il suo corpo scivolò in avanti, verso di lui e quell’evidente indifferenza che vigeva tra loro. Il duca accennò un fugace sorriso. No, non sarebbero stati proprio affini.
«Sì, chiaro come la luce del sole… Marcus» pronunciò il suo nome in un soffio colmo di esitazione. «Altrimenti mi avresti baciata.»
Era una provocazione. Marcus lo sapeva e se fosse stato pienamente cosciente delle proprie azioni si sarebbe dimostrato il gentiluomo dal contegno ducale che tanto declamava di essere; tuttavia aveva Elizabeth davanti a sé, una vergine guerriera che lo provocava con i propri segreti, con un’intelligenza viva e curiosa del mondo, della vita, e la cui bellezza era solo un dettaglio in più all’interno di un quadro già splendido di per sé. Il desiderio di scoprire perché volesse sposarsi gli aveva aperto gli occhi davanti al fatto che non fosse più una ragazzina, mentre quell’alterco per Crosswell e il bacio che ne era seguito avevano spalancato le porte alla sua femminilità. L’avevano portata all’attenzione di Marcus e lui, nonostante fosse un duca e andasse fiero del suo comportamento impeccabile, era pur sempre un uomo. Lo aveva detto a Elizabeth: non era perfetto, era un essere umano e per questo colmo di difetti e lacune, e desideri. Soprattutto desideri.
Proprio quello lo spinse ad avvolgere il palmo e le lunghe dita attorno alla nuca di Elizabeth mentre le sue gambe lo portarono ad alzarsi e a dominare dall’alto la figura delicata della giovane. Adesso lei si trovava racchiusa tra l’alto schienale della poltrona e il suo corpo teso e travolto da un senso di aspettativa del tutto nuovo. Non poteva fuggire ma Marcus si rese conto che, se fosse stato saggio la metà di quanto si professava, sarebbe stato lui a dover scappare da quella stanza. Il duca di Colton però non scappava mai; come i suoi antenati era un cacciatore, dunque colmò la distanza tra loro e si arrestò a un soffio dalla labbra di Elizabeth.
«Hai ragione, non funziona se non si è in due.» Studiò le sue iridi verdi, dilatate per la sorpresa e forse l’eccitazione, poi il suo sguardo saettò verso le labbra appena schiuse di Elizabeth, sul movimento rapido della lingua che vi passò sopra per inumidirle. «Vorresti riprovare?»
A Marcus bastò sentirla raddrizzare la propria postura per sapere cosa avrebbe detto l’avventurosa e caparbia Lady Whitmore. Le lesse sul volto la determinazione a capire cosa fossero le sensazioni che la sconvolgevano e che lasciavano stupefatto lo stesso Marcus. Poi arrivò anche la sua voce, ricca e struggente, travolta da qualunque cosa stesse accadendo tra loro.
«Sì.»
Bastò quell’unica parola. Marcus abbassò la testa e le loro labbra si trovarono di nuovo. La baciò come non aveva osato fare soltanto qualche minuto prima, gli argini del suo controllo rotti da quella conversazione e del tutto dimenticati mentre scopriva quanto fosse paradisiaco il sapore del brandy assaggiato sulla bocca di Elizabeth. Seguì la curva del labbro inferiore con una serie di baci, i denti che lo graffiarono appena quando la sentì rilassarsi contro la poltrona e cercare di trascinarlo con sé, per poi avvertire le mani di Elizabeth strette attorno alle braccia, poggiate sulle spalle e infine affondate nei capelli, le unghie che gli sfregavano la cute e scatenavano decine di brividi in tutto il suo corpo.
Voleva di più, desiderava spingersi oltre le sue labbra e scoprire come cambiasse il sapore del liquore se assaporato in un contatto ben più spinto e lascivo di quanto era sicuro Elizabeth avesse mai immaginato. Voleva scoprire il suo corpo e riempire di baci la pelle nascosta sotto quegli indumenti inconsistenti, cancellando in entrambi qualunque altro pensiero che non riguardasse la soddisfazione del piacere reciproco. E lo avrebbe fatto, avrebbe portato la mano libera sul suo seno e avrebbe cambiato per sempre il loro rapporto, se solo Elizabeth non avesse scelto proprio quel momento per porre fine al bacio e separarsi da lui.
Entrambi ansimavano, piccoli ansiti rapidi e insistenti che li misero davanti al loro aver perso completamente di mano l’intera situazione.
«È stato…» Marcus si sentì in dovere di dire qualcosa ma il sorriso di Elizabeth gli scatenò una fitta al petto che lo portò a esitare.
«Davvero istruttivo» terminò lei al suo posto. Gli sistemò le ciocche scarmigliate passandoci più volte in mezzo le dita, osservando un punto imprecisato tra la sua gola e la camicia stropicciata. «Grazie per il tuo aiuto, Marcus. Ora so con precisione cosa aspettarmi quando cercherò il mio futuro marito.»

Lizzie sapeva che le sue parole lo avrebbero sconvolto ed era ciò a cui lei mirava. Doveva lasciarlo senza parole tanto da poter fuggire il più lontano possibile da lui. Marcus, infatti, inspirò bruscamente, la schiena che si ritrasse come strattonata da una corda e la mano che abbandonò la sua nuca e il calore del nascondiglio creato dalla lunga chioma. La giovane avvertì un fruscio freddo scorrerle lungo la pelle mentre veniva privata del suo tocco confortante, ma scacciò la sensazione alzandosi in piedi e, con una riverenza frettolosa, gli augurò la buonanotte per poi fuggire dalla biblioteca.
Cos’è appena accaduto?, si chiese con preoccupazione, i pensieri sconvolti dal calore che le si annidava nel ventre e dal respiro affannato mentre attraversava la casa per tornare nelle proprie stanze. Purtroppo non aveva una risposta, ma un’unica certezza, quella di doversi allontanare da Marcus prima che la sua mente registrasse davvero i dettagli del bacio che le aveva appena capovolto l’esistenza.

Da qualche parte un libro cadde a terra con un sonoro schianto e Lizzie tornò in sé, i pensieri di nuovo imbrigliati sotto il suo ferreo autocontrollo mentre riprendeva coscienza di dove si trovasse.
Non era più nella biblioteca di casa, né stava attraversando i corridoi silenziosi per sfuggire alla tentazione incarnata dal serio duca di Colton. Erano trascorse diverse ore dagli eventi di quella notte, aveva dormito per lasciarseli alle spalle – anche se con incredibile fatica – e aveva promesso a se stessa che più vi avrebbe indugiato. Aveva vissuto accanto a Marcus per tre anni e mai una volta lo aveva guardato com’era accaduto quella notte; non poteva permetterselo, perché indugiare sul calore che aveva attraversato i suoi occhi azzurri mentre la baciava rischiava di confondere ancor di più ciò che pensava di volere in un marito.
Avanzò fino alla fine del corridoio creato tra due alte scaffalature, i volumi lì custoditi che non riuscivano a conquistare la sua attenzione quando lei avrebbe voluto immergersi nelle pagine di anche solo una di quelle opere e dimenticare la fretta che la spingeva a trovare marito. Sapeva di doversi sposare, e la decisione si era fatta pressante quando la duchessa madre aveva iniziato a stilare una lista di possibili future duchesse di Colton, una lista che il duca ancora non immaginava esistesse e su cui il suo nome non aveva mai neppure corso il pericolo di apparire. Non che lo avessi voluto, si disse, ma che anche per Marcus si stesse avvicinando il momento di sposarsi, e adempiere così ai suoi doveri di gentiluomo, le aveva fatto capire che presto quel mondo idilliaco in cui tutti e cinque avevano vissuto in quegli anni sarebbe giunto al termine.
Si lasciò sfuggire un sospiro mentre svoltava in un secondo corridoio per completare il giro e tornare indietro, ma i suoi passi furono presto interrotti da una figura china a raccogliere alcuni volumi caduti a terra. Era un uomo di mezza età, i capelli bianchi lunghi fino alle spalle tenuti fermi da un nastro nero e gli occhiali a mezzaluna che gli calzavano sulla punta del naso adunco. Lizzie e l’uomo si scambiarono un’occhiata sorpresa, tuttavia un immenso sorriso scaldò i volti di entrambi quando di si riconobbero a vicenda.
«Mr Woodrow!»
«Lady Whitmore.» L’anziano libraio si alzò, poggiò i volumi raccolti su un carrello alle sue spalle e le rivolse un mezzo inchino con il capo, gli occhi che brillavano quando incrociò quelli di Lizzie. «Sono onorato della vostra presenza.»
Lizzie aveva frequentato spesso la sua libreria nel corso dell’unico anno trascorso in città prima del suo debutto, ed era il luogo che le era mancato di più nel ritirarsi in campagna. Si sentì travolgere dalla gioia davanti al librario che le aveva raccomandato tante storie e che lei non aveva potuto fare altro che amare.
«E io sono felice di ritrovarvi. Mi auguro che siate in buona salute.»
«Sì, milady, vi ringrazio. Spero sia lo stesso per voi.»
«Lo è, Mr Woodrow.»
Lizzie si informò su come procedesse il suo lavoro, felice di sentire che la sua libreria preferita sarebbe rimasta aperta ancora diversi anni ora che il primogenito di quell’uomo tanto pacato e gentile avrebbe affiancato il padre nell’attività di famiglia. E la conversazione divenne ricca di brio quando i suoi nipoti la trovarono e Mr Woodrow li affascinò con la propria esperienza in fatto di storie meravigliose, per nulla intimorito dall’avere nel proprio negozio un marchese e una duchessa.
Quando lasciarono quell’angolo che Lizzie considerava il proprio paradiso in mezzo alla caotica Londra, il loro piccolo gruppo si ritrovò in mezzo a una via trafficata di carrozze e dai marciapiedi affollati da coppie e altre comitive che come loro avevano scelto la tarda mattinata per completare un giro di compere. Insieme a scoprire i piccoli sussurri che già iniziavano a circolare sulla serata appena trascorsa al ballo dei Crosswell. Lady Haynes le aveva assicurato che, in poche ore, avrebbero scoperto se vi fosse già stato un gentiluomo interessato a lei.
Lizzie si prese un secondo per guardarsi alle spalle, verso le vetrine luminose della libreria di Mr Woodrow e la tranquillità che vi aveva sempre scorto. Quanto le sarebbe piaciuto portare con sé quella sensazione anche al di fuori di quel luogo, farne il proprio scudo per affrontare la ricerca del marito perfetto e per far sì che la aiutasse a ritrovare il coraggio di guardare Marcus senza sentirsi in imbarazzo per ciò che era accaduto tra loro.
Avrebbe voluto che sua madre fosse lì con lei. Lei avrebbe di certo saputo come comportarsi, le avrebbe detto cosa aspettarsi adesso che ogni linea di demarcazione si era confusa e non aveva quasi più punti di riferimento certi. Ma la duchessa di Charville aveva promesso di non mettere più piede in Inghilterra finché il mondo non fosse finito e se Lizzie ricordava con precisione qualcosa della donna che l’aveva cresciuta era che nulla l’avrebbe sviata dal portare avanti il proprio proposito.
Oh, quanto vorrei essere come lei, pensò, avviandosi per raggiungere i suoi nipoti e lady Haynes. Forse un giorno lo sarebbe diventata.

Eccoci arrivati alla fine! Spero che questa nuova avventura vi sia piaciuta, ma soprattutto che Marcus ed Elizabeth vi abbiano sorpresi, perché con me ci sono riusciti! Sarei felicissima di sapere cosa ne pensate, se vi va di lasciarmi un commento ❤︎

Federica 💋

[Recensione] “Warrior” di Greta Cipriano

Buongiorno!

A chiudere questa settimana arriva la recensione del secondo volume della saga distopica di Greta Cipriano!

Grazie alla CE per la copia e-Arc!

Warrior - The Defector Saga di [Greta Cipriano]Titolo
Warrior
Autore
Greta Cipriano
Saga
The Defector Saga #2
Editore
Genesis Publishing
Pubblicazione
Ottobre 2019
Genere
Distopico, epico
Formato

Cartaceo (11,60€) ~ Digitale (3,99€)
Pagine

272
Acquisto
Amazon ~ Kobo ~ YouCanPrint 

Non puoi sfuggire al tuo destino. Questo Alya Lovelace l’ha capito molto presto.
Quando ha visto crollare suo fratello a causa del morso di un Ulf non ha esitato un solo momento ad abbandonare tutto e partire alla volta di una missione di salvataggio.
Durante la sua disperata corsa contro il tempo, la Principessa dei Defector si ritroverà coinvolta in situazioni che minacceranno di sopraffarla.
Inaspettati e sorprendenti incontri, nuove alleanze, ignobili inganni costringeranno Alya e i suoi compagni a riconsiderare ogni certezza e rischiare tutto pur di rimanere ancorati al loro mondo.
Venire a patti con la sua nuova realtà sembra essere l’unico modo per sopravvivere alla guerra che infuria intorno a lei. Ma sarà davvero disposta a scegliere tra chi è e chi dovrebbe essere?

Audes è bloccato al Covo, avvelenato e in fin di vita a causa del morso di un Ulf (un animale davvero pericoloso), perciò Alya e Dastan si recano all’isola delle Alfee, creature antiche che conoscono il passato e molti dei segreti di Glaceis, compresi quelli dei giovani chiamati a riunire un continente disgregato da battaglie di vecchia data.
Ma una volta ottenuto l’antidoto, al costo di un favore da ricambiare, ed essere riusciti a salvare il suo gemello, le cose per i Defector non si mettono bene. Perché c’è un traditore tra loro e Alya, con tutti i problemi di fiducia che nascono quando qualcuno le nasconde le cose, è intenzionata a scoprire ogni prova possibile per coglierlo in fallo e liberarsi di lui.

In quel momento, sdraiata all’aria aperta, sotto un meraviglioso cielo trapuntato da una collezione infinita di stelle, una parte di lei avrebbe voluto stringersi tra le sue braccia e sussurrargli il suo perdono.

Ma la ricerca la porta a mettere in pericolo chi le è più caro e quando accade qualcosa di irreparabile, dentro la futura regina di Glaceis una corda si spezza e rivela chi è davvero, insieme a un potere che rischia di prendere il sopravvento e causare a tutti ancor più problemi.
E mentre Alya, Audes, Dastan e Kyle affrontano le conseguenze degli incidenti di percorso e delle proprie azioni, Moreor, l’usurpatore, e i suoi seguaci si muovono e agiscono per sedare la ribellione con ogni mezzo possibile, arrivando a colpire i Defector là dove fa più male, al cuore della loro stessa speranza.
Ma Alya non è sola: le Alfee, la resistenza e anche le Fenici, i misteriosi figli degli dei, posso essere dei preziosi alleati davanti a un nemico spregiudicato, un faro di speranza in mezzo all’oscurità e all’insicurezza, proprio come si rivela essere la scoperta dell’esistenza di due cugini ancora in vita, anche loro gemelli e non così indifferenti alle sorti di Glaceis.

«Tutto il mio mondo è crollato.»
«Allora, forse, è giunto il momento di costruirne uno nuovo.»
Lei lo guardò, aggrottando le sopracciglia. «Cosa vuoi dire?»
Xander le rispose, con un sorriso furbo. «Cosa sai dei Defector?»

Warrior, come secondo volume della Defector Saga, innalza l’asticella delle aspettative con continui colpi di scena e grandi dolori, non solo per la povera Alya, ma anche per chiunque abbia a cuore le Ship letterarie ben fatte come quella tra la Principessa dei Defector e il bel Ragafer (il capitano delle guardie) Dastan, una coppia ancora sulla graticola e che, tra gelosie, fraintendimenti e catastrofi causate da un nemico sempre pronto a sconvolgere le carte in tavola, ha ancora una strada molto lunga davanti a sé.
Come sapete non amo fare spoiler, quindi mi limiterò a dire che i problemi (l’ultimo dei quali metterà in crisi davvero profonda il gruppo dei Defector) si susseguono imperanti e sembra essere sempre più difficile risollevare le sorti della ribellione quando anche colei che dovrebbe guidarli è preda della emozioni. Alya, in questo volume, è infatti divisa tra un’emotività che la schiaccia e una consapevolezza di sé, del suo ruolo e delle qualità che esso richiede sempre più profonda, il che la rende forte e indipendente da un certo punto di vista, ma altrettanto vulnerabile dall’altro, perché diventare il perno dei Defector e del gruppo ristretto formato da Audes, Dastan, Kyle e Jared significa soffrire di più quando a qualcuno viene fatto del male.

Possibile che una settimana fosse così lunga? In molti momenti, l’unica cosa che gli aveva impedito di impazzire era stata la voce e il volto di Alya nella sua testa. Si sentiva spezzato, completamente annientato. Avevano avuto così poco tempo insieme.

Interessanti, di questo nuovo volume, sono i due cugini di Alya e Audes, Xenia e Xander, che movimentano trama e narrazione con la loro presenza, con le conoscenze che dimostrano di possedere e con l’intraprendenza che fa ben sperare per l’evolversi della storia. Soprattutto dopo un finale come quello di Warrior, capace di distruggere con le rivelazioni e i cambi di fazione che sembrano avvenire in un battito ciglia e che di certo segneranno il futuro della lotta di Alya e dei Defector.
Come già in Rebel, è interessante vedere come in una storia di riscatto dalle tinte fantasy rientri anche l’idea della formazione personale e, soprattutto, dell’integrazione della diversità in tutte le sue forme, vista non come un motivo di scontro ma più come una ragione per cercare di costruire un mondo migliore e più giusto per tutti.
Una lezione che, in modi diversi, viene portata avanti in entrambi i volumi e che dona a questa un guizzo in più, una caratteristica che è davvero notevole e super apprezzabile.

Adesso mi resta solo l’extra da leggere, in attesa del prossimo volume che devo – DEVO – leggere assolutamente! E voi cosa leggerete di bello?

Federica 💋

[Recensione] “Tenebre e ossa” di Leigh Bardugo

Buongiorno e buon 2 giugno!

Cosa fate oggi di bello? Avete in programma qualche gita? Io credo che approfitterò della giornata tranquilla per fare un po’ di brainstorming su nuove storie da scrivere, ma prima arriva una nuova recensione!

54541829. sy475 Titolo
Tenebre e ossa
Titolo originale
Shadow and Bone
Autore
Leigh Bardugo
Traduzione
R. Verde
Saga
The Shadow and Bone Trilogy #1
Editore
Mondadori
Pubblicazione
Ottobre 2020 
Genere
Fantasy, Young Adult
Formato

Cartaceo (17,90€) ~ Digitale (9,99€)
Pagine

240
Acquisto
Sito editore 

Il dolore e la paura mi vinsero. Urlai. La parte nascosta dentro di me risalì con impeto in superficie. Non riuscii a fermarmi. Il mondo esplose in una sfolgorante luce bianca. Il buio si infranse intorno a noi come vetro.

L’orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell’esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei.
Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d’Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell’amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente.
Subito viene arruolata dai Grisha, l’élite di creature magiche che, al comando dell’Oscuro, l’uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l’intera corte. Alina, infatti, è l’unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.

Alina Starkov è un’orfana della Faglia d’Ombra, quella immensa e oscura zona morta che divide in due il regno di Ravka da secoli, e cresce in uno sperduto orfanotrofio insieme all’amico Mal, anche lui orfano e come Alina destinato a non avere mai una vera casa, se non nella compagnia l’uno dell’altra. Neppure quando, ormai cresciuti, servono entrambi nel Primo Esercito del re, lei come mappatrice e Mal come tracciatore, capace cioè di orientarsi ovunque e di trovare qualunque cosa.
I loro giorni trascorrono abbastanza sereni, almeno finché non vengono entrambi destinati a una missione attraverso il NonMare, come viene chiamata la Faglia, ed entrambi si trovano a contemplare la possibilità di non sopravvivere se qualcosa dovesse andare storto.

«Guardami.» Mi costrinsi a sollevare gli occhi nei suoi. «So che sei spaventata. Lo sono anch’io. Ma affronteremo questa cosa, e ce la caveremo. Ce la caviamo sempre. Okay?» Sorrise, e io sentii il cuore palpitare forte nel mio petto.

Perché in quell’oscurità si nascondo i volcra, mostruosi esseri alati che non risparmiano nemmeno la spedizione a cui partecipano Alina e Mal. A nulla serve l’intervento dei Grisha, membri del Secondo Esercito e capaci di praticare la piccola scienza (abilità legate al controllo degli elementi e della materia), ma quando i due giovani si ritrovano alla mercé di un volcra, la fine ormai vicina, accade qualcosa di impensabile: la Faglia d’Ombra viene attraversata dalla luce.
Scampata per miracolo alla fine, tuttavia, Alina si ritrova in arresto quando la spedizione riemerge dall’oscurità, senza sapere per quale ragione venga portata al cospetto dell’Oscuro, generale del Secondo Esercito e capo dei Grisha, un uomo tanto bello e giovane quanto pericoloso. Ma non per Alina, no, perché se lui possiede il dono delle tenebre, a lei, come raccontano i sopravvissuti, è stata data la luce del sole. Dopo secoli passati ad attendere un Grisha capace di distruggere la Faglia, ecco che lei diventa la risposta a tanti problemi, soprattutto grazie al suo essere una Evocaluce, una Grisha, anche se Alina non ne aveva affatto idea. 

«Solo io e te» disse Mal.
«Davvero?»
«Siamo sempre solo io e te, Alina.»

Separata dall’esercito, e da uno sconvolto Mal, Alina viene portata a Os Alta, sede del palazzo d’inverno del re e del Piccolo Palazzo, casa e fortezza dei Grisha dove vivono e vengono istruiti sotto l’attenta guida dell’Oscuro e di Baghra, una vecchia arcigna ma decisa ad accrescere il potere di Alina.
Ma se all’inizio essere una Grisha è qualcosa di inconcepibile, dopo mesi di addestramento fisico e di studio della teoria Grisha, mesi in cui l’assenza e il silenzio di Mal finiscono per spezzarle il cuore, Alina riesce finalmente ad accettare se stessa, grazie soprattutto all’ammaliante figura dell’Oscuro, così distante da tutti ma certo di aver trovato in Alina una risposta alle sue preghiere, alla speranza di proteggere i Grisha e salvare Ravka. O almeno così sembra.

Io non ero nessuno, ero una rifugiata di un villaggio senza nome, una ragazza ossuta e sgraziata che sfrecciava sola e fuori controllo un’oscurità sempre più fitta più fitta. Ma quando l’Oscuro aveva chiuso le dita attorno al mio polso, mi ero sentita diversa, qualcosa di più.

Tenebre e ossa apre la trilogia inaugurale del Grishaverse descrivendo un mondo fantastico davvero intrigante per le sue particolarità ma anche tanto, davvero tanto, vicino a quello che è il mondo dell’Impero Russo ottocentesco, dalla scelta dei nomi al vestiario, fino all’ambientazione. È un mondo complesso, con una gerarchia precisa che tuttavia non risulta affatto difficile da comprendere perché in questo primo volume viene presentato in tutte le sue caratteristiche e permette di godere della narrazione senza sentirsi troppo spaesati.
A narrare cosa succede è la protagonista, Alina Starkov, ed il suo punto di vista che trasporta alla scoperta del mondo Grisha, delle origini della Faglia e di come la sua comparsa segni un cambiamento importante anche nella vita e nei piani dell’Oscuro. La storia di Alina è il racconto di crescita di un’orfana che cerca il proprio posto nel mondo, che cerca una casa e la sicurezza, una serie di trasformazioni che riesce a portare avanti grazie alla permanenza nel Piccolo Palazzo, all’amicizia con la Plasmaforme Genya e alla stima, all’adorazione in verità, nei confronti dell’Oscuro. Trasformazioni che però Alina deve dimostrare di aver davvero compreso quando la verità le porta via tutto ciò che credeva di avere e che invece la teneva solo nella più profonda oscurità.

Ero stata troppo impegnata a immaginarmi al suo fianco, la salvatrice di Ravka, la più adorata, la più desiderata, una specie di regina. Gli avevo reso tutto così facile.

Arrivo alla lettura del libro dopo aver visto la serie tv (lo sapete e… ok, lo so che non si fa!), quindi già conoscevo la trama e come tutto sarebbe andato a finire. Mi è piaciuto però lo stesso immergermi nella lettura perché mi ha permesso di scoprire tanti dettagli del Grishaverse che nella serie erano più visivi e quindi difficili da apprezzare. C’è anche il rapporto profondo tra Alina e Mal ad avermi stregata, e in effetti è stata una vera e propria scoperta assai gradita.
L’aspetto che più mi ha, non delusa, ma lasciata con la sensazione e la voglia di saperne di più è la narrazione in prima persona di Alina, quel soffermarsi solo sugli eventi che accadono a lei, mentre di Mal si apprende in seguito. Questa mancanza nasce dalla serie di Netflix, che non solo narra le vite dei due ragazzi in parallelo, ma si concentra anche se personaggi paralleli (quelli che saranno i Corvi), aggiungendo un po’ di brio in più alle vicende che vedono come protagonista l’Evocaluce.

kjh

[Segnalazione] “Un cucchiaio intagliato” di Jayne Davis

Buongiorno e buon lunedì!

Per iniziare questa nuova settimana, oltre che chiudere il mese di maggio, vi propongo la segnalazione per la prossima uscita targata Vintage Editore, un romanzo storico disponibile dall’8 giugno!

Titolo
Un cucchiaio intagliato
Autore
Jayne Davis
Collana
Regency
Editore
Vintage Editore
Pubblicazione
Giugno 2021
Genere
Romance, storico, Regency
Formato

Cartaceo (16€)
Pagine

405
Acquisto
Sito editore

Galles, 1817. dopo aver rifiutato ogni proposta di matrimonio che le è stata fatta, Isolde Farrington, Izzy per tutti, viene spedita in Galles dalla zia come punizione, volendo il padre darle un assaggio della vita da zitella, con una misera rendita e nessun membro della servitù ad aiutarla. Quando Izzy arriva, scopre, con sua grande sorpresa, che sua zia Genie è sposata con un uomo di mestiere, chiaramente non approvato dalla famiglia di lei, ma che nonostante la situazione economica persino più limitata di quella di Izzy, vive una vita dignitosa e, soprattutto, soddisfacente e felice, prendendo parte al lavoro del marito. Rhys Williams, si trova in Galles per affari e durante il suo primo incontro con Izzy, questa lo scambia per un servitore. Il nuovo ambiente di Izzy le fa guardare la vita con occhi nuovi e non ci vorrà molto prima che guardi con un nuovo sguardo anche Rhys. Quando suo padre, però, scopre che la situazione in Galles è ben diversa da quella che pensava e che Rhys è nel commercio, si apre un abisso per una coppia che ha imparato ad amarsi oltre ogni diseguaglianza. 

L’estratto

 La carrozza barcollò lateralmente, Izzy si aggrappò alla cinghia tirando un sospiro di sollievo proprio quando il veicolo scivolò ancora una volta in avanti. 
«Oh Dio, proteggici» pregò Miss Amberley. 
Izzy sollevò gli occhi al cielo. Quel viaggio era durato già due giorni più del previsto benché gli unici pericoli fossero stati costituiti dalla possibilità di scivolare in una fossa o rimanere impantanati nel fango. Scomodo, senza dubbio, ma difficilmente fatale. Eppure, la sua accompagnatrice vedeva ogni affossamento come un ripido burrone e ogni sentiero fangoso come un pantano, pronto a immobilizzare la carrozza nelle sue profondità. 
È così che si diventa da zitelle? Izzy si chiedeva se Miss Amberley fosse stata sempre così o se fossero state le preoccupazioni a causarle quelle rughe e quei capelli grigi. Grazie a Dio Miss Amberley era un’accompagnatrice temporanea solo per quel viaggio.

Di questa autrice ho già letto un altro romanzo e sono curiosissima di scoprire anche la storia di Izzy! Tra qualche giorno ne riparleremo, ma voi fatemi sapere se vi incuriosisce!

Federica 💋