The Rainist #40 : Continuum

Ciao a tutti 😊

Eccoci arrivati al quarto appuntamento distopico della settimana! Oggi tocca alla serie tv di The Rainist ✌️ Per questa volta che ne dite di fare un piccolo salto nel 2077 per conoscere l’agente Kiera Cameron e il suo futuro altamente tecnologico? Magari scopriremo qualcosa di interessante 😄

Coraggio-tattoo

Info

Continuum-Season-1-2012--Front-Cover-88238Titolo
Continuum
Ideatori
Simon Barry
Paese
Canada
Anno
2012-2015
Genere
Fantascienza
Stagioni
4
Episodi
42
Lingua
Inglese

Trama

Vancouver, 2077. In un futuro distopico, la democrazia costituzionale e i governi nel mondo sono crollati; un nuovo sistema di corporazioni e repubbliche aziendali domina il pianeta attraverso un’alta sorveglianza privata, in uno stato di polizia tecnologicamente avanzato che ha eliminato alcune libertà civili. Un gruppo di ribelli chiamati Liber8, facenti parte della resistenza allo status quo e condannati per questo alla pena di morte come terroristi, fugge dalla propria esecuzione viaggiando indietro nel tempo all’anno 2012. Il loro obiettivo è quello di cambiare la storia, riscrivendo il passato affinché gli eventi del 2077 non possano mai accadere. Ciò che non hanno previsto è che anche Kiera Cameron, un Protettore, è stata involontariamente trasportata indietro di sessantacinque anni assieme a loro.

Cast

  • Rachel Nichols è Kiera Cameron
  • Victor Webster è Carlos Fonnegra
  • Erik Knudsen è Alec Sadler
  • Stephen Lobo è Matthew Kellog
  • Tony Amendola è Edouard Kagame
  • Roger Cross è Travis Verta
  • Lexa Doig è Sonya Valentine
Da sinistra: Sonia Valentine, Matthew Kellog, Travis Verta, Alec Sadler, Kiera Cameron e Carlos Fonnegra
Da sinistra:
Sonya Valentine, Matthew Kellog, Travis Verta, Alec Sadler, Kiera Cameron e Carlos Fonnegra

 

Sigla

Parere

Trovare una serie che gestisca bene i paradossi e le incongruenze che i viaggi nel tempo possono (in linea teorica) creare non sempre è facile. L’idea che qualcuno dal futuro torni indietro è già di per sé un cambiamento non previsto e che influenza in modo indelebile il tempo (tipo, se un tizio A parte dal 2010 per tornare nel 1900, la sua presenza in un momento in cui non dovrebbe esserci rende, teoricamente, impossibile il suo ritorno nello stesso 2010 da cui è partito), però le serie fantascientifiche amano giocare su questi paradossi, trovando modi scientificamente ineccepibili per far credere che sì, viaggiare nel tempo è possibile.
Continuum in questo senso non è da meno e l’intera impalcatura che regge il pretesto narrativo – il viaggio dal 2077 al 2012 per fermare un gruppo terroristico – non ha falle. La coerenza e la veridicità delle teorie pro viaggio nel tempo, rappresentate in carne e ossa dal personaggio di Alec, sono tenute insieme in maniera perfetta ed elegante.
Si passa quindi metà della serie (le prime due stagioni) a credere che il futuro da cui arriva Kiera Cameron, la protagonista, sia un luogo che è al contempo da creare e da distruggere a seconda di come i diversi viaggiatori del tempo lo descrivono. Si sente partecipazione verso entrambe le parti in gioco, perché la serie si concentra sul lato umano delle conseguenze che le azioni di tutti, nessuno escluso, determinano.
Poi, però, misteriosamente la fantascienza e il mistero prendono il sopravvento sulla coerenza scientifica della serie e, senza troppi spoiler, ci si ritrovano due Alec e due Kiera, in una convivenza che non solo mette in pericolo la continuità temporale (detto continuum) del loro universo, ma anche la capacità di sopportazione di chi guarda la serie. Dalla terza stagione si perde di vista il presupposto che ha fatto da sfondo a quelle precedenti, cioè fermare i terroristi e rimandare Kiera a casa, cambiando possibilmente il futuro cupo e distopico da cui lei proviene.
La recitazione è impeccabile, resta comunque credibile nonostante si perda la rotta di dove il telefilm vuole arrivare, e regala dei personaggi cui è difficile non affezionarsi. Soprattutto Kiera raccoglie la maggior parte dell’empatia, peccato però che questa non serva a portarla nella direzione sperata.
Il finale, visto anche il numero ridotto degli episodi nell’ultima stagione, è deludente. Accorcia e semplifica l’evoluzione dei personaggi, relegandoli alla realizzazione del desiderio di Kiera e facendone per questo la vittima designata alla realizzazione positiva di tutti gli altri. Paradossalmente, lei che più di tutti ha cercato un modo per tornare nel proprio tempo e dalla propria famiglia è la sola a vedersi privare di ogni cosa. Un finale ingiusto, specie alla luce della crescita e del percorso fatto nelle altre stagioni.

Voto

Coraggio-tattoo

Puntavo tanto su questa serie e invece il finale è stato quanto mai deludente! Ero così => 😱😫
Peccato!! Mi passerà, ovvio, ma sono convinta che avrebbero potuto chiuderla in altro modo… Voi avete mai adorato una serie che però è finita in modo inaspettato e orribile? A me è la prima volta che capita! 
Mah…

Beh vi aspetto nei commenti! A presto 💋

On Rainy Days Contest

The Rainist #39 : The Shannara Chronicles

Buongiorno 😄 State bene?

Cavoli, oggi è già Giovedì! La settimana mi è volata!
Per chiudere il tema Fantasy oggi The Rainist vi porta proprio nel cuore del genere fantastico, tra elfi, gnomi, troll, mezzosangue e tanto altro ancora con una serie che lo scorso inverno è diventata famosissima. Se ne parlava ovunque e anche se io arrivo in ritardo (strano eh?! 😆) direi che non è così passata di moda da non poterne parlare! Pronti per conoscere il futuro del genere umano?

Coraggio-tattoo

Info

Titolo
The Shannara Chronicles
Ideatori

Alfred Gough, Miles Millar, Terry Brooks (romanzi)
Paese
Stati Uniti d’America
Anno
2016–
Genere
Fantasy
Stagioni
1
Episodi
10
Lingua
Inglese

Trama

Dopo la distruzione della nostra civilizzazione nelle “Grandi guerre”, il mondo ha assunto uno stato simile a quello del periodo medievale, con il riemergere della magia e dei demoni. Questi sono rinchiusi grazie alla magia dell’Eterea, ma quando l’immenso albero inizia a morire le Quattro Terre stanno per essere nuovamente invase da orde di demoni. Il destino del mondo è nelle mani di una principessa elfica senza macchia e senza paura, di un mezzosangue che in realtà è l’ultimo discendente di una nobile ed eroica famiglia reale e di una scaltra Nomade.

Cast

  • Austin Butler è Wil Ohmsford
  • Poppy Drayton è Amberle Elessedil
  • Ivana Baquero è Eretria
  • Manu Bennett è Allanon
  • Aaron Jakubenko è Ander Elessedil

Sigla

Parere

Osannata come serie rivelazione dello scorso inverno, The Shannara Chronicles non mi ha convinta moltissimo.
Dopo un primo doppio episodio che prometteva degli sviluppi davvero interessanti in vista della missione da compiere per i tre protagonisti, la serie si è infatti arenata per ben sette episodi su uno schema sempre identico: viaggio-problema-fuga. Tutta la parte centrale ha infatti seguito questo andamento con ben poche eccezioni, in cui nuovi e interessanti dettagli erano una merce rara, quando non completamente assente, fino all’episodio finale, dove si è concentrato tutto il fulcro dell’azione e dei colpi di scena.
Non conoscendo personalmente le differenze tra libro e serie tv mi astengo da paragoni, però lo sviluppo dei personaggi, la maturazione e l’accettazione del loro ruolo sembra blanda e con basi abbastanza tremolanti. Forse un’attenzione maggiore a questo aspetto, piuttosto che alla molteplicità dei legami e degli elementi spettacolari, avrebbe aiutato quei sette episodi a non sembrare degli intermezzi riempitivi tra l’inizio e la fine.

Voto

Coraggio-tattoo

Io proprio non l’ho digerita come serie… Non che sia stata male, ma spero che la seconda stagione regali un po’ più di azione e avventura! Voi l’avete guardata a Gennaio? Come vi è sembrata? Fatemi sapere 😊

Ciao ciao 💋

The Rainist #38 : Reckless

Buongiorno!!

Accidenti siamo già arrivati alla fine di Giugno 😲 Incredibile! Ok, ok, il tempo vola ma non per questo mi sono dimenticata che oggi è il turno di The Rainist e della serie tv in cui passione e limiti non sempre sono una coppia così formidabile. Pronti?

Coraggio-tattoo

Info

7738aeb8a7Titolo
Reckless
Ideatori
Dana Stevens 
Paese
Stati Uniti d’America
Anno
2014
Genere
Legal Drama
Stagioni
1
Episodi
13
Lingua
Inglese

Trama

A Charleston, nella Carolina del Sud, una splendida civilista e un affascinante procuratore cercano di nascondere l’intensa attrazione reciproca mentre uno scandalo nella polizia minaccia di spaccare la città. Jamie Sawyer è invidiosamente cool, sicura di sé e con un retaggio da ragazza cresciuta nelle strade pericolose di Chicago. Il suo rivale Roy Rayder, divorziato e padre di due figli, incarna lo stile del Sud ed è un procuratore fresco di conio grazie al suo influente ex suocero. Quando l’agente caduta in disgrazia Lee Anne Marcus ingaggia Jamie per rappresentarla nella sua causa contro il dipartimento di polizia, Jamie e Roy scoprono che Lee Anne è l’epicentro di un caso che potrebbe avere conseguenze disastrose.

Cast

  • Anna Wood è Jamie Sawyer
  • Cam Gigandet è Roy Rayder
  • Shawn Hatosy è Terry McCandless
  • Georgina Haig è Lee Anne Marcus
  • Adam Rodríguez è Preston Cruz
  • Michael Gladis è Holland Knox
I due protagonisti: Jamie Sawyer e Roy Rayder
I due protagonisti: Jamie Sawyer e Roy Rayder

Trailer

Parere

Benché questa serie si fermi alla prima stagione, in 13 episodi riesce a delineare i caratteri tipici del sud degli Stati Uniti, i vizi e la chiusura che caratterizza un società abituata a tenere per sé i problemi, a insabbiarli piuttosto che creare scandali capaci di distruggere il sistema.
I legal drama, meglio di altri, riescono a unire la componente drammatica a quella “erotica” per la forte tensione che si crea tra le due parti ma che qui è più un’aspettativa che una realizzazione vera e propria, almeno tra i due protagonisti, bloccati nei rispettivi ruoli di avvocato e procuratore.
Sono gli altri a accentuare la componente spericolata (reckless appunto) della serie, portando lo scandalo che apre la prima puntata a livelli ben più profondi e coinvolgendo l’intera società, rivelandone la corruzione diffusa e la depravazione. I personaggi secondare servono proprio a questo, a sfogare ogni tipo di tensione che si accumula di puntata in puntata e di cui Jamie e Roy non possono approfittare. Paradossalmente, loro sono gli unici sui quali i limiti e le convenzioni sociali riescono a fare effetto annullando, di fatto, il presupposto di partenza, cioè la forte attrazione che dovrebbe legarli.

Voto

Coraggio-tattoo

È una di quelle serie da guardare d’estate, senza impegno, e credo che si trovi anche in italiano (se non mi sbaglio è stata trasmessa su Rai2 l’anno scorso…). Io l’ho vista così, nella pausa estiva, e è adatta a passare il tempo 😊 La conoscete? O vi ha incuriosito?

Fatemi sapere! A presto 💋


Cliccando sul link sottostante potete partecipare all’On Rainy Days Contest e vincere uno dei premi in palio!

a Rafflecopter giveaway

The Rainist #37 : Broadchurch

Buongiorno e ben ritrovati per un nuovo Giovedì con The Rainist 😄

Quest’oggi c’è una serie tv made in UK che mi è piaciuta davvero tanto e che riporta in voga i thriller, non quelli efferati, ma psicologici, mettendo in evidenza che nessuno è buono o cattivo (o al di sopra di ogni sospetto) a prescindere dagli eventi.

Coraggio-tattoo

Info

broadchurch-second-season-2015-2013.34115Titolo
Brosdchurch
Ideatori

Chris Chibnall
Paese
Regno Unito
Anno
2013 –
Genere
Drama, Thriller
Stagioni
2 (In produzione)
Episodi 
16
Lingua
Inglese

Trama

A Broadchurch, piccolo centro marittimo inglese, Alec Hardy è appena stato promosso al grado di ispettore della polizia locale quando la comunità è scossa dal ritrovamento sulla spiaggia del cadavere del piccolo Danny Latimer. Nel corso delle indagini, si scoprirà che Broadchurch non è il luogo idilliaco che tutti immaginavano.

Cast

  • David Tennant è Ispettore Alec Hardy
  • Olivia Colman è Sergente Ellie Miller
  • Andrew Buchan è Mark Latimer
  • Jodie Whittaker è Beth Latimer
  • Vicky McClure è Karen White
  • Arthur Darvill è Reverendo Paul Coates
  • Pauline Quirke è Susan Wright
  • Jonathan Bailey è Oliver Stevens
  • Charlotte Beaumont è Chloe Latimer
Il cast completo
Il cast completo

Trailer

Parere

Indagini, sospetti che spuntano in ogni angolo, segreti che non riescono a restare tali e il dolore per la morte di un figlio sono gli elementi portanti di questa serie tv targata ITV (una delle case di produzione televisiva del Regno Unito).
Nessuno cittadino di Broadchurch, una tranquilla città di mare, è in realtà la brava persona che appare dall’esterno e nelle 8 puntate della prima stagione (incentrata sulla ricerca dell’assassino di Danny Latimer), ognuno di loro avrà modo di dimostrare chi in realtà si nasconde dietro la patina della quotidianità. Man mano che i sospetti e gli indizi si accumulano, appare chiaro che nessuno è escluso dalla lista dei sospetti, che tutti hanno un “lato oscuro” da tenere nascosto, anche le persone più insospettabili.
Evitando spoiler inopportuni (cosa che ho fatto a me stessa – mentre cercavo informazioni sugli attori, ho accidentalmente letto il nome del colpevole), l’arresto dell’omicida mette in discussione e sconvolge l’intera comunità, che si ritrova a fare i conti con i propri errori e i propri mostri anche nella seconda stagione, dimostrando che un solo mostro non espia anche gli altri.
Broadchurch è un grande racconto in cui si cerca di dimostrare che bontà, errori e cattiveria non sono concetti assoluti, ma dipendono dal contesto. L’occasione trasforma una brava persona in un assassino, in qualcuno da biasimare per gli errori commessi, ampliando in modo allarmante il quadro dei possibili criminali e le possibilità che la giustizia non riesca a fare il proprio dovere.

Voto

Coraggio-tattoo

Da poco sono iniziate le riprese per la terza (e ultima 😭) stagione e non vedo l’ora di scoprire come si concluderà! Scommetto che sarà epica! Voi la conoscete? L’avete vista?

Con oggi si conclude il viaggio in Gran Bretagna, ma non mettete via le valigie 😉 Domani si viaggia ancora!

A presto 💋


Cliccando sul link sottostante potete partecipare all’On Rainy Days Contest e vincere uno dei premi in palio!

a Rafflecopter giveaway

The Rainist #36 : Detective Monk

Buongiorno a tutti 😊

Eccoci all’ultimo appuntamento settimanale dedicato a Jennifer Lawrence. Se si guarda solo il piccolo schermo non si contano molte partecipazioni, lo show in cui compare per più tempo è The Bill Engvall Show, perciò per l’appuntamento The Rainist di oggi mi rifaccio a una serie in cui appare per un solo episodio.

Coraggio-tattoo

Info

locandinaTitolo
Detective Monk
Titolo originale

Monk
Ideatori

Andy Breckman
Paese
Stati Uniti d’America
Anno
2002–2009
Genere
Commedia, drammatico, poliziesco
Stagioni
8
Episodi
125
Lingua
Inglese

Trama

Adrian Monk è stato un brillante detective del dipartimento di polizia di San Francisco, fino a quando sua moglie Trudy fu assassinata nell’inverno del 1997 da una bomba. Dopo la sua morte, Monk comincia a manifestare un numero spropositato di fobie ma grazie alla sua infermiera, Sharona Fleming, riesce a trovare lavoro come investigatore privato e di consulente per l’unità omicidi.

Cast

  • Tony Shalhoub è Adrian Monk
  • Ted Levine è Capitano Leland Stottlemeyer
  • Jason Gray-Stanford è Tenente Randall “Randy” Disher
  • Bitty Schram è Sharona Fleming
  • Traylor Howard è Natalie Teeger
Il cast completo
Il cast completo

Sigla

Parere

Su questa serie tv non ho molto da dire, soprattutto perché Jennifer Lawrence appare in un solo episodio, ma fondamentalmente perché non mi è mai piaciuta (son strana, guardo anche cose che non mi piacciono).
Monk è un esempio perfetto del malessere moderno, con tutte le sue innumerevoli fobie (in otto stagioni ho perso il conto di quante sono, fate voi…) e i problemi a stabilire contatti con gli altri, perciò non ho mai apprezzato la sua vena comica. Questa, unita all’ironia, cerca di dimostrare che malessere, disagio sociale e solitudine sono tre elementi inscindibili generati dalla modernità, sui quali è necessario riflettere ma anche con un sorriso.
Ecco, io questo proprio non riuscivo a farlo, perché per me è triste constatare tutto questo e mostrarlo in modo buffo, impacciato e comico. È la stessa cosa che mi succede se guardo i film di Fantozzi (giusto per fare un parallelo).
Gli attori, soprattutto Tony Shalhoub, sono fenomenali nel rendere il messaggio della serie, ma credo che il modo sia sbagliato. Per i miei gusti avrebbero dovuto ridurre il lato “comedy” della serie e dare più peso alle cause/conseguenze delle fobie di Monk.

Voto

Coraggio-tattoo

Eh sì, questa serie non mi è mai andata giù… Però, ironia, l’episodio con Jennifer Lawrence mi era piaciuto 😁 Voi la conoscete?

Fatevi sentire!!


Cliccando sul link sottostante potete partecipare all’On Rainy Days Contest e vincere uno dei premi in palio!

a Rafflecopter giveaway